Una famiglia di artisti Rom, l’Alexian Group

//Alexian Santino SpinelliCome diceva il saggio Confucio: “Se vuoi capire un popolo ascolta la sua musica”, ecco allora che la famiglia di Alexian Santino Spinelli, italiano di antico insediamento appartenente a una delle famiglie Rom che arrivarono in Italia tra la fine del XIV secolo e l’inizio del XV secolo, ne è l’esempio più fulgido. Una famiglia certamente speciale con il papà con 2 lauree, unico esempio in Italia, una in Lingue e Letterature straniere moderne e l’altra in Musicologia, conseguite all’Università di Bologna, musicista, compositore, scrittore, poeta e docente universitario, ma soprattutto straordinario virtuoso della fisarmonica. Il primogenito, Gennaro Spinelli, è violinista e percussionista, studente di Lingue e Letterature straniere all’Università D’Annunzio di Pescara. Giulia Spinelli è studentessa al Liceo Pedagogico di Lanciano (Ch) e vanta un importante primato: è la prima Romnì italiana ad essere iscritta al Conservatorio, frequenta infatti il corso di violoncello al Conservatorio Luisa D’Annunzio di Pescara. E, infine, Evedise Spinelli che frequenta anch’essa il Liceo Pedagogico di Lanciano e allieva di arpa al Conservatorio di Pescara. Tutti assieme costituiscono il gruppo musicale familiare Alexian Group che utilizza sistematicamente la lingua romanì nella propria produzione musicale, le scale d’importazione orientale, fa uso dei melismi nel canto, utilizza i ritmi composti, misti e poliritmici e impiega le strutture modali accanto a quelle tonali.

L’Alexian Group partecipa  assiduamente ai più importanti festival musicali in Italia e in Europa e a trasmissioni radiofoniche e televisive. La loro attività musicale è sfociata in una produzione etno-sinfonica collaborando con l’Orchestra Sinfonica Abruzzese e con l’Orchestra Europea per la Pace tenendo numerosi concerti e performance in Italia e all’estero fra i quali: Palazzo del Consiglio d’Europa a Strasburgo (2010), a Bruxelles per il Consiglio d’Europa (2013) e per il Papa Benedetto XVI su Rai Uno in mondo visione  (2012). Risale al 2010 la pubblicazione delle composizioni contenute nel libro Romano Drom (carovana romanì) partiture per Fisarmonica, per Ensemble e per Orchestra Sinfonica da parte della casa editrice musicale Ut Orpheus di Bologna.

//L’Alexian Group (photo: Adriatico mediteraneo)

Molti i Cd e le Compilation all’attivo dell’Alexian Group con una produzione musicale anche per film, documentari e teatro. Tra i Cd più significativi ricordiamo: Andre miro romano gi (viaggio nella mia anima Rom dall’india al Jazz), Gijem Gijem (camminando camminando), Romano drom (carovana romanì), Parovibbè (metamorfosi), Romano Them (mondo Rom), Me pase ko Murdevel (io ac-canto a Dio), Porrajmos –Baro Romano Merribbè (Il genocidio dei Rom). Il loro concerto è unico nel suo genere: è un percorso musicale e canoro attraverso gli stili musicali romanès dal Gazhal indo-pakistano al Flamenco attraverso la musica romanì balcanica, il jazz manouche, la musica romanì dell’Europa centro-orientale con un’interpretazione personalizzata e un repertorio di composizioni assolutamente originali con atmosfere uniche e magiche.

 //L'Alexian group e l'Orchestra Europea per la Pace


Daniela De Rentiis

04/04/2014

 

 

 

 

 

 

Related Posts

TFF, vince Genova e l’amore tra ex carcerato e trans

23/11/2009

TFF,  vince Genova e l’amore tra ex carcerato e transPremiato il Film-documentario “La bocca del lupo" del giovane regista napoletano Pietro Marcello. Superate le polemiche per il Premio Cipputi. In “Radio Singer” la lotta dei duemila operai per il posto di lavoro e storie di 32 anni fa.

Manet, ritorno a Venezia

15/06/2013

ve_110Le opere del pittore francese giunte in laguna dai più famosi Musei internazionali. La mostra è accolta negli Appartamenti del Doge, a Palazzo Ducale, in una delle dimore più belle al mondo, fino al 18 agosto.

Avleddha, 'Ofidèa'

05/08/2008

Avleddha,  'Ofidèa'In passato, gli abitanti dei paesi adiacenti l’area della Grecìa Salentina, apostrofavano i griki con disprezzo e diffidenza, e alla stregua dei serpenti: “gente con due lingue”...