Lettere dal carcere

bargh 545

La Rete Romana di Solidarietà con il Popolo Palestinese ha realizzato un video per sensibilizzare l’opinione pubblica sulle condizioni disumane di decine di prigionieri politici palestinesi trattenuti nelle carceri israeliane.

Dall’inizio dell’occupazione della Cisgiordania, nel 1967, oltre 800mila palestinesi, tra cui 10mila donne, sono stati arrestati: il 20 percento dell’intera popolazione. Negli ultimi 14 anni la stessa sorte è toccata a più di 8mila bambini.

Tra le mura delle prigioni israeliane, i detenuti subiscono vari tipi di crimini: tortura, isolamento, divieto di visite, mancanza di cure mediche, continui trasferimenti.

Molti sono morti a seguito di violente percosse e torture subite. Alcuni sono in attesa di giudizio da anni.

Il video “Lettere dal carcere: testimonianze di detenuti palestinesi” è stato realizzato nell’ambito della campagna per la liberazione d Marwan Barghouti e di tutti gli altri prigionieri politici palestinesi.

//Lettere dal Carcere Trailer

 

 


 

 

 

 

 

 

Related Posts

Mahmoud Darwish, «Il Letto della straniera»

05/03/2009

Mahmoud Darwish,  «Il Letto della straniera»A febbraio la casa editrice Epoché ha pubblicato un libro di Mahmoud Darwish, “Il letto della straniera”. Una raccolta di poesie del grande poeta palestinese - “il più grande del mondo”, come lo definiva Saramago - morto il 9 agosto scorso.

Lettera di una madre palestinese ad una madre israeliana

03/06/2009

Lettera di una madre palestinese ad una madre israelianaIl signor Nicolas Sarkozy si è mostrato molto commosso dalla sorte del soldato franco-israeliano Gilad Shalit. Questo gli fa onore e siamo lieti dell’attenzione che dedica ai francesi con doppia cittadinanza. Ma...

Mai Al Kaila: «A Gaza una barbarie. Fatti dall’ONU, non parole»

18/09/2014

Kaila 110A margine della 6^ edizione del Premio Giornalisti del Mediterraneo, ad Otranto, l’ambasciatrice palestinese in Italia chiede iniziative concrete per Gaza. «Il problema non è Hamas, ma l’occupazione israeliana». Serry: accordo sotto l’egida dell’ONU per la ricostruzione (costo stimato attorno ai 4 miliardi di euro).