In Brasile decine di murales contro i mondiali

//Rio de Jainerio, giugno 2014. Foto di Pilar Olivares (Reuters/Contrasto)

L’edizione 2014 della World’s Cup è cominciata lo scorso 12 giugno con un’imponente cerimonia inaugurale seguita dalla prima partita, Brasile-Croazia.

Nelle prossime settimane è previsto un calendario fitto di incontri e le proteste che finora hanno accompagnato l’organizzazione dell’evento probabilmente non si placheranno.

In decine di città, infatti, negli ultimi mesi fiumi di persone si sono riversati nelle strade e nelle piazze criticando aspramente gli ingenti fondi stanziati per la realizzazione di modernissimi stadi, infrastrutture per accogliere atleti e tifosi e impianti sportivi costati al paese più di 11 miliardi di dollari.

//Vila Flavia, São Paulo, giugno 2014. Foto di Nacho Doce (Reuters/Contrasto)

I violenti sgomberi delle favelas attorno agli spazi individuati per ospitare le partite e il rastrellamento di interi quartieri da parte della polizia hanno suscitato una forte rabbia nella popolazione brasiliana. A sostenere il movimento ci sono anche molti street artists che hanno ricoperto le pareti esterne dei palazzi con decine di murales che denunciano le profonde disuguaglianze sociali nel paese, specialmente a São Paulo e a Rio de Janeiro.

//Un ragazzo si affaccia dalla sua casa a Vila Flavia, São Paulo. Foto di Nacho Doce (Reuters/Contrasto).

 


 

 

 

 

 

 

Related Posts

Sacchi d'argento buttati sugli scogli

27/06/2015

sax 110La figura dei migranti abbandonati. Una delle immagini, direbbero alcuni – e ci pare perlomeno banale, vista la situazione – in quanto “figura emblematica” o “simbolica” dei poveri, migranti, arrivati dal corno d’Africa.

L’esodo senza fine dei rifugiati

25/09/2015

esodo 110Cercano scampo attraverso il Mediterraneo e i Balcani, per raggiungere la Germania, i Paesi del Nord Europa, cogliendo impreparati i Paesi coinvolti da questa fiumana di disperati che trovano frontiere chiuse, muri e fili spinati, e pure la prigione. Molti siriani, e non solo, hanno cercato scampo anche nei campi allestiti nei Paesi vicini come Turchia, Marocco, Tunisia, Egitto, Giordania, Libano.

MGF: Io no

06/02/2009

MGF: Io noProsegue la campagna internazionale contro le mutilazioni genitali femminili avviata il 6 febbraio con il programma di sensibilizzazione “Nessuno escluso”, frutto dell’incontro tra la società civile e i professionisti della creatività.