In Brasile decine di murales contro i mondiali

//Rio de Jainerio, giugno 2014. Foto di Pilar Olivares (Reuters/Contrasto)

L’edizione 2014 della World’s Cup è cominciata lo scorso 12 giugno con un’imponente cerimonia inaugurale seguita dalla prima partita, Brasile-Croazia.

Nelle prossime settimane è previsto un calendario fitto di incontri e le proteste che finora hanno accompagnato l’organizzazione dell’evento probabilmente non si placheranno.

In decine di città, infatti, negli ultimi mesi fiumi di persone si sono riversati nelle strade e nelle piazze criticando aspramente gli ingenti fondi stanziati per la realizzazione di modernissimi stadi, infrastrutture per accogliere atleti e tifosi e impianti sportivi costati al paese più di 11 miliardi di dollari.

//Vila Flavia, São Paulo, giugno 2014. Foto di Nacho Doce (Reuters/Contrasto)

I violenti sgomberi delle favelas attorno agli spazi individuati per ospitare le partite e il rastrellamento di interi quartieri da parte della polizia hanno suscitato una forte rabbia nella popolazione brasiliana. A sostenere il movimento ci sono anche molti street artists che hanno ricoperto le pareti esterne dei palazzi con decine di murales che denunciano le profonde disuguaglianze sociali nel paese, specialmente a São Paulo e a Rio de Janeiro.

//Un ragazzo si affaccia dalla sua casa a Vila Flavia, São Paulo. Foto di Nacho Doce (Reuters/Contrasto).

 


 

 

 

 

 

 

Related Posts

Inside Italy: «Se l’operazione Mos Maiorum fosse arrivata a Siracusa»

10/10/2014

mos 110Dal 13 al 26 ottobre, diciottomila agenti di polizia di tutti i Paesi membri dell’Unione e quelli associati all’accordo di Schengen saranno mobilitati – a spese dei contribuenti – per dare la caccia ai «migranti irregolari» e ai sans-papiers di tutta Europa.

Ottomila chilometri di muri ancora da abbattere

10/11/2014

muro ces 110bisQuello di Berlino non c'è più, ma sono oltre cinquanta le barriere ancora in piedi. I più emblematici oggi sono il muro israelo-palestinese, quello tra le due Coree, quello che protegge l'enclave di Melilla, quello tra Messico e Stati Uniti. Ma ci sono anche muri sconosciuti ai più che provocano ugualmente ferite, lacerazioni, drammi.

Torino, non solo auto

23/06/2010

Torino,  non solo autoLa città è riuscita a reinventarsi dopo la pesante crisi degli anni Novanta, diversificando il suo tessuto socio-economico. Un abitante su sette è straniero. Il ruolo importante svolto dalla Provincia di Torino con la presidenza della Commissione del Mediterraneo in progetti di cooperazione. Version française Versión en español