Astragali Teatro a Cipro

//Nicosia, Cipro, durante lo spettacolo “Metamorfosi” di Astragali Teatro nella Buffer Zone, 12 giugno 2014.

In un territorio particolarmente sensibile al tema dei muri e delle frontiere, lacerato da più di trent’anni dalla presenza ingombrante e dolorosa di una profonda frattura interna, sia fisica che psicologica, si conclude il progetto Walls-Separate Worlds.

Astragali Teatro in collaborazione con Cyprus Centre of the International Theatre Institute ha organizzato diverse attività sull’isola. Dal 31 maggio all’11 giugno la compagnia salentina ha tenuto una residenza artistica con attori provenienti da diversi paesi che è culminata, il 12 giugno scorso, con lo spettacolo “Metamorfosi” diretto da Fabio Tolledi nella Zona Cuscinetto di Nicosia. La performance è stata allestita in un palazzo sventrato dalla guerra: un luogo simbolico di straordinario impatto emotivo per riflettere, e far riflettere, sulle ferite mai rimarginate dell’ultimo territorio d’Europa diviso in due.

Il 12 giugno un gruppo di artisti internazionali ha animato un reading di opere teatrali scritte da giovani drammaturghi greco e turco ciprioti nelle tre lingue parlate sull’isola.

//Nicosia, Cipro, durante lo spettacolo “Metamorfosi” di Astragali Teatro in un palazzo distrutto dalla guerra, 12 giugno 2014.

I lavori sono stati scelti e tradotti da Astragali Teatro e dall’International Theatre Institute – Cipro con lo scopo di diffondere e far conoscere la scrittura teatrale contemporanea e con l’obiettivo di creare un incontro anche simbolico e linguistico tra le due comunità.

cip astra 350I testi scelti sono stati: AT THE GUARD POST di Georgiou Antonis (greco-cipriota), POLLEN SONG di Özbudak Ahmet Sami (turco ), TRANSIT PASSING di Bayramoglu Ayse (turco), ANTIGONE di Roilou Yianna (greco), THE ‘MISSING’ OF THE FUNERAL di Soteriou Costantia (greco-cipriota) e THE STAIN, di Ummanel Aliye (turco-cipriota).

Durante la residenza sull’isola si è tenuto inoltre un incontro aperto al pubblico sul tema “Teatro e conflitto”, particolarmente caro alla compagnia impegnata da anni in questa ricerca in una prospettiva artistica, politica, sociale e culturale.

 


 

Federica Araco

13/06/2014

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Related Posts

Cipro: arte e cultura contro l’ultimo muro in Europa

16/06/2014

ellada 110wwIntervista a Ellada Evangelou: attivista, artista e accademica greco-cipriota che lavora nel mondo del teatro come facilitatrice nei workshop, drammaturga e regista. La sua analisi socio-culturale sull’isola più complessa e divisa del Mediterraneo.

Il calvario di un’attrice turca per raggiungere Cipro

16/06/2014

ilgaz 110wwIntervista con Ilgaz Ulusoy che si è ritrovata in un labirinto burocratico quando ha deciso di andare sull’isola per partecipare al progetto “WALLS-Separate Worlds”.