Happy collection: Il muro nel cuore

cuore 350Il Gioco degli Specchi invita a «Happy collection», giornata di raccolta di oggetti di uso comune durante il periodo della Guerra Fredda, nei paesi europei dell'ex blocco sovietico e nell'area balcanica. L'associazione ha avviato questa campagna di raccolta oggetti per realizzare un'esposizione alle Gallerie di Piedicastello a Trento tra ottobre e novembre prossimi, una mostra multimediale che apre una finestra sulla vita delle persone nel periodo 1945-1989 in quella parte di Europa della quale sono originari tanti nostri concittadini.

Gli oggetti, prestati da chi vive in Trentino e proviene da Romania, Moldova, Albania, Ucraina, Polonia, Bulgaria o altri paesi dell'area sovietica e della ex Jugoslavia, possono essere di qualunque tipo: legati alla casa, alla scuola, all'ambiente di lavoro, al vestiario, alla documentazione, al tempo libero. Cose semplici, che però possono avere un significato per la persona, per la sua famiglia o per quel particolare periodo storico e ci raccontano con semplice immediatezza come si viveva «dall'altra parte».Si può partecipare on line mandando foto e presentazione a info@ilgiocodeglispecchi.org. Si possono vedere gli oggetti già raccolti e i temi della futura mostra sul sito del Gioco degli Specchi.

Con questa iniziativa, Il Gioco degli Specchi intende ricordare il 25° anniversario della caduta del muro di Berlino del prossimo 9 novembre, a simbolo dei tanti muri che invece tutt'oggi impediscono il libero movimento delle persone. L'ingresso è libero e gratuito.

L'iniziativa è realizzata in collaborazione con Osservatorio Balcani e Caucaso e Museo storico Trentino e gode del sostegno di: Comune di Trento, Provincia autonoma di Trento, Regione Trentino Alto Adige/Süd Tirol, Centro Servizi Volontariato, Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto.

 

 


 

Per informazioni:

cuore 150Il Gioco degli Specchi

Via San Pio X, 48

38122 Trento

tel: +39 0461 916251 cell: +39 340 2412552

e-mail: info@ilgiocodeglispecchi.org

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Related Posts

Profughi tra accoglienza e controllo: una relazione difficile

16/04/2015

campus 110Mentre continuano i drammatici e numerosi sbarchi è importante capire le linee politiche dell’Europa e dell’Italia nell’affrontare questa emergenza attraverso le analisi di rappresentanti di istituzioni, associazioni ed esperti. 20 aprile al Campus universitario di Torino Luigi Einaudi.

Beirut, I Love You - A Work in Progress

09/11/2012

bey_110La Fondazione Merz presenta la video installazione Beirut dell’artista Zena el Khalil in collaborazione con il regista Gigi Roccati, parte del progetto ideato da Artissima 19, “It’s Not The End Of The World”: dal  9 novembre 2012  al 6 gennaio 2013.

Shlomo, la terra perduta

18/11/2013

shlomo110Giovedì 21 novembre, alle 18,30 al Teatro alle Colonne di Milano, il film-inchiesta di due giornalisti, Stefano Rogliatti e Matteo Spicuglia sulla più antica minoranza del Medio Oriente, gli Aramei, un popolo cristiano antichissimo che parla ancora l’aramaico. Vittima dei massacri del secolo scorso, oggi sono appena 2500.