Le persone prima delle frontiere

Guerra, persecuzioni e povertà: da questo fuggono le tante persone che ogni anno cercano di raggiungere l'Europa in cerca di un rifugio e una vita migliore.

amint 545
Ma questa speranza si scontra con le barriere, reali e invisibili, che l'Unione europea ha innalzato intorno a se. Le sue politiche in materia di immigrazione, i controlli delle frontiere, i respingimenti illegali hanno un costo in vite umane e sofferenze ormai incalcolabile; almeno 23.000 persone sono morte dal 2000.

Chiedi con noi che l'Europa metta le persone prima delle frontiere.

Firma il nostro appello! >


 

 

 

 

 

Related Posts

2. Le sfide della democrazia: tra esclusione e mobilitazione sociale

10/10/2014

sabir2 110Gli ospiti intervenuti nel dibattito hanno avanzato numerose proposte per superare la frammentazione della rete e mettere in pratica una strategia comune su questioni trasversali e condivise. Come il diritto alla mobilità, le rivendicazioni legate all’economia reale, alla giustizia sociale, alla dignità di tutti i cittadini e la sostenibilità ambientale.

Torino, non solo auto

23/06/2010

Torino,  non solo autoLa città è riuscita a reinventarsi dopo la pesante crisi degli anni Novanta, diversificando il suo tessuto socio-economico. Un abitante su sette è straniero. Il ruolo importante svolto dalla Provincia di Torino con la presidenza della Commissione del Mediterraneo in progetti di cooperazione. Version française Versión en español

Muoversi a ovest per tornare a est

29/04/2010

Muoversi a ovest per tornare a estA giugno l’UE abolirà i visti per l’area Schengen anche per la Bosnia-Erzegovina, dopo Serbia, Montenegro e Macedonia. Ma per i popoli balcanici viaggiare resta difficile: manca una rete autostradale, e sono quasi inesistenti i collegamenti ferroviari o quelli aerei diretti.