Libertà di movimento

 logo medit 110

logo bab 110

 

 

Il dossier ”Libertà di movimento" è stato realizzato in partnership con Medit.

 

 

egitto medit 2 110

Egitto, muoversi tra barricate e divieti

In nome delle misure di sicurezza, la circolazione e lo spostamento dei cittadini dentro la città diventano sempre più limitati.

Dina Kabil

medit 2 lyb 110

Libia: muoversi in un Paese segnato dall’instabilità politica

Con la fine del regime di Gheddafi, nel 2011, sono cadute molte restrizioni alla mobilità per i cittadini libici, e i visti per espatriare o viaggiare all’estero sono diventati facili da ottenere, ma la crescente incertezza politica e i recenti scontri tra milizie proiettano una nefasta ombra sul futuro.

Farid Adly 

medit melilla 110

Marocco, terra di accoglienza o di transito?

Il re del Marocco ha deciso di regolarizzare la situazione dei sub-sahariani bloccati nel suo territorio e ha portato a termine l’accordo con l’HCR riconoscendone lo statuto, ciò che permette tra l’altro di arginare la problematica del lavoro nero e la scolarizzazione dei bambini.

Amira-Ghéhanne Khalfallah

conso tun 110

Davanti al Consolato d’Italia a Tunisi

El Menzah. Marzo 2014, ore 13.30. Ufficialmente gli uffici del Consolato d’Italia aprono alle 14h30. Ma, come per entrare a teatro o per partire per una crociera, si arriva in anticipo.

Ben Salah

 

 


 

 

Traduzioni a cura di Stefanella Campana

 

 

 

 

 

Related Posts

Libia, un anno dopo

13/04/2012

Libia,  un anno dopoUno sguardo attraverso le ferite ancora aperte di un paese in cambiamento, a un anno dallo scoppio della guerra civile che portò alla caduta di Gheddafi.

Obama, riva sud (del mediterraneo)

17/11/2008

Obama,  riva sud (del mediterraneo)Tutto il pianeta è stato coinvolto dalle elezioni del nuovo presidente americano, tra satira e realtà, quali impressioni e quali reazioni ha suscitato la vittoria di Obama in Marocco, Egitto, Algeria e Siria?

L’operazione “Piombo fuso”

26/01/2009

L’operazione “Piombo fuso”L’operazione “Piombo fuso” si è conclusa. In 23 giorni l’inaudita barbarie ha causato la morte di oltre 1.300 persone, tra cui moltissimi bambini. Nella Striscia di Gaza rimangono cumuli di macerie ancora fumanti e un popolo brutalizzato e abbandonato nella sua disperazione.