Medit - "Libertà di ..."

medit bab dossier 110 

I dossier sono stati realizzati in partnership con Medit.

dos medit2 110

Libertà di movimento

La libertà di circolazione è un diritto fondamentale. Per i cittadini europei è garantito dal Trattato di Schengen, ma in Egitto, Libia, Marocco e Tunisia si configura ancora con molti aspetti difficili, problematici, come ci raccontano i quattro giornalisti che vivono in quei Paesi, autori delle inchieste giornalistiche del dossier sulla libertà di circolazione, realizzato da Babelmed per Medit.

medit dossier1 110 mosca

Libertà di stampa e di opinione. Cos'è cambiato nei Paesi della "Primavera araba"

Sono scesi nelle piazze per chiedere più libertà, più giustizia in Tunisia, Egitto, Libia, Marocco. Nelle inchieste in quei Paesi una cronaca aggiornata che ci fa conoscere che cosa è cambiato sulla libertà di stampa e di espressione.

medit3 asso 110

Libertà di associazione

Le libertà di riunione e di associazione sono garantite dalla Dichiarazione universale dei diritti umani. Per i cittadini sono uno strumento importante per condividere uno scopo comune, per esprimere le proprie idee, un’opportunità per la partecipazione politica e sociale. Si tratta di aspetti fondamentali del pluralismo, base della democrazia. Esiste la libertà di associazione in Egitto, Libia, Marocco, Tunisia? Quattro giornalisti che vivono in quei Paesi ci raccontano una realtà complessa.

 


Traduzioni a cura di Stefanella Campana

 

 

 

 

 

 

 

 

Related Posts

Islam e Occidente: oltre le rappresentazioni

20/06/2008

Islam e Occidente: oltre le rappresentazioniBabelmed ha riunito la sua rete di giornalisti in occasione di un incontro organizzato a Roma, in Campidoglio, con il pubblico romano.

Dossier - "Racconti..."

03/03/2015

alate 110I racconti del lavoro invisibile è un opera-progetto di contaminazione tra diverse discipline artistiche che intende esplorare in chiave crossmediale le trasformazioni del lavoro contemporaneo a partire dalle donne, dalla natura gratuita, flessibile, affettiva e relazionale del loro operare: dimensioni di cura trasformate in pratiche produttive che hanno riformulato l’intera struttura del mondo del lavoro, coinvolgendo allo stesso tempo donne e uomini. 

Dossier R.O.M.

11/02/2015

rom 110x110I cosiddetti “Rom” in Europa sono circa 12 milioni, caratterizzati da una diversità storica, sociale e culturale assai complessa. Molti sono integrati ormai da generazioni ma migliaia di loro vivono ancora in condizioni di estrema emarginazione e povertà, aggravate dalle politiche di alcuni governi e dai sempre più frequenti episodi di discriminazione e razzismo. Tre cicli di inchieste nel 2015 approfondiranno il fenomeno in Francia, Italia, Spagna e Turchia.