COSPE presenta SABIRMAYDAN, il primo forum della cittadinanza mediterranea

cospe 110

SABIRMAYDAN. COSPE presenta il primo forum della cittadinanza mediterranea - (Messina, 28 settembre 2014)

Arrivano dall'Egitto, dalla Tunisia, dal Marocco ma anche dalla Siria, dalla Turchia, dalla Grecia e dalla Spagna. Sono 27 gli ospiti internazionali, tra attivisti, artisti, intellettuali, che partecipareanno al SABIRMAYDAN: il primo forum della cittadinanza mediterranea organizzato da COSPE che si terrà il 28 settembre prossimo a Messina, nell'ambito della prima edizione del “SabirFest. Vivere il Mediterraneo”, il festival di letteratura organizzato da Mesogea.

sabir2 110

SABIRMaydan, dialoghi intorno alla cittadinanza mediterranea

Nella cornice del Festival di letteratura mediterranea SabirFest che si terrà a Messina dal 25 al 28 settembre 2014, COSPE e Mesogea organizzano SABIRMaydan, una finestra sulla cittadinanza mediterranea: uno spazio di espressione, creatività, confronto delle mille realtà del Mediterraneo.

sabir 110solera

Intervista a Gianluca Solera, ideatore e promotore per il Cospe di Sabir Maydan

“Sabir Maydan” vuole essere uno spazio di espressione, creatività e confronto tra personaggi e movimenti dai territori del Mediterraneo, ricchi di storia e cultura, ma alla ricerca di diritti civili e nuove opportunità di riscatto, in particolare in questo momento di persistente precarietà sociale, restaurazione autoritaria e rigurgito di confronto militare pseudo-identitario.

 

 

 

 

Related Posts

Libertà di stampa e di opinione. Cos'è cambiato nei Paesi della "Primavera araba"

17/12/2013

medit dossier1 110 moscaSono scesi nelle piazze per chiedere più libertà, più giustizia in Tunisia, Egitto, Libia, Marocco. Nelle inchieste in quei Paesi una cronaca aggiornata che ci fa conoscere che cosa è cambiato sulla libertà di stampa e di espressione.

Libia, un anno dopo

13/04/2012

Libia,  un anno dopoUno sguardo attraverso le ferite ancora aperte di un paese in cambiamento, a un anno dallo scoppio della guerra civile che portò alla caduta di Gheddafi.

L’operazione “Piombo fuso”

26/01/2009

L’operazione “Piombo fuso”L’operazione “Piombo fuso” si è conclusa. In 23 giorni l’inaudita barbarie ha causato la morte di oltre 1.300 persone, tra cui moltissimi bambini. Nella Striscia di Gaza rimangono cumuli di macerie ancora fumanti e un popolo brutalizzato e abbandonato nella sua disperazione.