Hossam Ramzy, «Sabla tolo»

Hossam“Sabla tolo” è un anagramma di “Tabla solo”: le tabla sono percussioni indiane che vanno a coppia. Il percussionista egiziano Hossam Ramzy, che vive a Londra, ci regala il quarto album di una serie consacrata all'arte della percussione solista, e nel quale, come negli altri (http://www.babelmed.net/muzzika/3577-muzzika-septembre-2008.html ), l'artista esplora le sonorità di strumenti e di ritmi appartenenti a culture diverse: Egitto (in “Eskandarany”, basato su un ritmo tipico della regione di Alessandria), Marocco, India, Spagna (in “Flamenco Sweet”), ma anche Brasile (come in “Samba Train to Cairo”)...

“Il titolo dell'album viene dal suono del ritmo dell'ultimo brano del disco. Il ritmo fa “Tak Raka Takum...”, spiega l'artista. Si sia percussionisti o meno, l'energia pura dei tamburi di ogni dimensione e sonorità vi sveglierà e riempirà di energia, che viviate in Egitto, in Marocco, in Spagna, in India, a Londra... o altrove! “Musica che fa svegliare i morti”, si diceva una volta parlando dei tamburi!

 

www.arcmusic.co.uk

 

//“Sabla tolo”


 

 

 

 

 

Related Posts

MUZZIKA! Settembre 2011

14/09/2011

MUZZIKA! Settembre 2011 Questo mese: il chitarrista jazz Louis Winsberg presenta un album omaggio a Marsiglia; i cinque fisarmonicisti di Accordion Samurai ci fanno ballare e sognare; il trio vocale femminile Chet Nuneta reinventa tutti i canti del mondo; l’Algérien Akli D mescola la lingua cabila e l’armonica di Dylan; il percussionista Hossam Ramzy ci restituisce le atmosfere dell’Egitto.

MUZZIKA! Ottobre 2009

28/10/2009

MUZZIKA! Ottobre 2009Il raccolto di ottobre è davvero ottimo: con il blues sahariano di Amar Sundy; un Titi Robin in osmosi con Faiz Ali Faiz, la grande voce del qawwali; Yasmin Levy più spagnola che mai; Joana Amendoeira con il suo fado limpido; e due “best of” di Putumayo: “Acoustic Arabia” e “Spagna”.

MUZZIKA! Aprile 2011

22/04/2011

Questo mese protagonista Marsiglia, con Ahamada Smis, poeta-slammer marsigliese e comoriano, e il gruppo Kabbalah. Da Strasburgo, il gruppo Shezar presenta il suo jazz acustico orientale. Da La Rochelle, il Duo Harmane, con delle ballate turco-folk. Infine, dal Sahara, due gruppi tuareg, Toumastin e Terakaft.