“Consumati”: corpi di sabbia in fuga dalla guerra a Gaza

Sulla spiaggia di al-Shaja’, a est di Gaza City l’artista palestinese Ayad Sabah ha realizzato “Consumati”, un’installazione composta da decine di statue di sabbia, stracci, ferro e creta che raffigurano uomini, donne e bambini nell’atto di scappare dalla morte e dalla devastazione che per l’ennesima volta si è abbattuta su un territorio già stremato da anni di isolamento forzato. I volti delle sculture sono senza espressione, immobili a fissare il silenzio, a volte coperti da vernice rossa a ricordare le vittime dell’”Operazione Margine di protezione” avviata da Israele contro Hamas lo scorso 8 luglio che in 50 giorni ha causato la morte di 2100 palestinesi, tra cui 500 bambini.

GALLERY_ (foto):

{sis}articoli/arte-e-spettacolo/Palestina/sabbia{/sis}

http://vocidalsuq.tgcom24.it/2014/10/21/guerra-e-statue-le-sculture-sulla-spiaggia-che-ricordano-le-bombe/nggallery/image/sabbia-1/

Dal blog di Elia Miliani

 

Related Posts

«La luna e il campo», una commedia musicale palestinese

20/09/2009

«La luna e il campo»,  una commedia musicale palestineseLa compagnia Wishah ha presentato quest'estate a Ramallah la sua nuova produzione, “Qamar wa Sanabel” ispirata ad alcune storie vere.

"Terra, spazio, corpo e sessualità: palestinesi all’ombra del muro”

11/01/2010

"Terra, spazio, corpo e sessualità: palestinesi all’ombra del muro” è il titolo di una campagna organizzata da Coalition for Sexual and Bodily Rights in Muslim Societies lanciata il 9 novembre 2009 in 11 paesi arabi e musulmani.

L’analisi di Janiki Cingoli, CIPMO

17/07/2014

cipmo 110Israele e Hamas: cosa potrebbe succedere al termine dei bombardamenti. La scelta di porre termine al controllo di Hamas su Gaza, annientandone la struttura, lascerebbe aperto il problema di chi potrebbe esserne il successore. Non Fatah e l'ANP. Gli eredi più probabili, i gruppi legati a ISIS.