“Consumati”: corpi di sabbia in fuga dalla guerra a Gaza

Sulla spiaggia di al-Shaja’, a est di Gaza City l’artista palestinese Ayad Sabah ha realizzato “Consumati”, un’installazione composta da decine di statue di sabbia, stracci, ferro e creta che raffigurano uomini, donne e bambini nell’atto di scappare dalla morte e dalla devastazione che per l’ennesima volta si è abbattuta su un territorio già stremato da anni di isolamento forzato. I volti delle sculture sono senza espressione, immobili a fissare il silenzio, a volte coperti da vernice rossa a ricordare le vittime dell’”Operazione Margine di protezione” avviata da Israele contro Hamas lo scorso 8 luglio che in 50 giorni ha causato la morte di 2100 palestinesi, tra cui 500 bambini.

GALLERY_ (foto):

{sis}articoli/arte-e-spettacolo/Palestina/sabbia{/sis}

http://vocidalsuq.tgcom24.it/2014/10/21/guerra-e-statue-le-sculture-sulla-spiaggia-che-ricordano-le-bombe/nggallery/image/sabbia-1/

Dal blog di Elia Miliani

 

Related Posts

La flottiglia dell’arte a Gaza

13/10/2010

La flottiglia dell’arte a GazaGli artisti gazawi si battono per superare il blocco grazie all’arte. Come ha fatto il primo Festival Internazionale di video arte del giugno scorso…

Tawfiq Saleh, tra cinema neorealista e letteratura

05/03/2010

Tawfiq Saleh,  tra cinema neorealista e letteraturaA Barcellona saranno proiettati fino a fine marzo i principali film del regista che hanno esercitato un’influenza decisiva nel cinema sul tema della resistenza palestinese.

«La musica è energia pura che mi fa piangere, adirare e gioire»

19/12/2008

«La musica è energia pura che mi fa piangere,  adirare e gioire»Sana’ Musa è una persona modesta ed estremamente sensibile che ha un delicato senso artistico. La voce armoniosa si libra trasparente a toccare i cuori. Le sue melodie, intrecciandosi armoniosamente con il pulsare della terra, ci portano ad un tempo passato indefinito, a pensare alla terra perduta.