“Consumati”: corpi di sabbia in fuga dalla guerra a Gaza

Sulla spiaggia di al-Shaja’, a est di Gaza City l’artista palestinese Ayad Sabah ha realizzato “Consumati”, un’installazione composta da decine di statue di sabbia, stracci, ferro e creta che raffigurano uomini, donne e bambini nell’atto di scappare dalla morte e dalla devastazione che per l’ennesima volta si è abbattuta su un territorio già stremato da anni di isolamento forzato. I volti delle sculture sono senza espressione, immobili a fissare il silenzio, a volte coperti da vernice rossa a ricordare le vittime dell’”Operazione Margine di protezione” avviata da Israele contro Hamas lo scorso 8 luglio che in 50 giorni ha causato la morte di 2100 palestinesi, tra cui 500 bambini.

GALLERY_ (foto):

{sis}articoli/arte-e-spettacolo/Palestina/sabbia{/sis}

http://vocidalsuq.tgcom24.it/2014/10/21/guerra-e-statue-le-sculture-sulla-spiaggia-che-ricordano-le-bombe/nggallery/image/sabbia-1/

Dal blog di Elia Miliani

 

Related Posts

«La luna e il campo», una commedia musicale palestinese

20/09/2009

«La luna e il campo»,  una commedia musicale palestineseLa compagnia Wishah ha presentato quest'estate a Ramallah la sua nuova produzione, “Qamar wa Sanabel” ispirata ad alcune storie vere.

Obiettivo Palestina

15/01/2011

Obiettivo Palestina Nelle immagini di “Piombo fuso” di Stefano Savona e “To shoot an elephant” di Alberto Arce e Mohammad Rujailah la tragedia lunga 21 giorni, vissuta da cittadini inermi nella Striscia di Gaza.

Rivedere Avatar

07/06/2013

avatar_110Yosefa Loshitsky è ricercatrice presso il Centro di Studi dei media e del film dell'Università di Londra. È l'autore, insieme ad altri ricercatori, di Identity Politics on the Israeli Screen (2001).