Roma musica Rom

8 dicembre ore 21 – Teatro Argentina, largo di Torre Argentina 52, Roma (ingresso libero)

11 dicembre ore 10 – Senato della Repubblica, Palazzo Giustiniani, via della Dogana Vecchia 29, Roma

romarom 545
Creare occasioni di conoscenza e condivisione tra la cittadinanza e la comunità Rom, per favorire il rispetto della diversità, la lotta ai pregiudizi e la promozione dei diritti umani
: È l’obiettivo dei tre eventi organizzati dalla campagna “Romaidentity – Il mio nome è Rom” e dall’Associazione 21 luglio – con il contributo di Commissione Europea e Open Society Foundations – in occasione della Giornata Universale dei Diritti dell’uomo che si celebra il 10 dicembre.

Si partirà lunedì 8 dicembre alle ore 21 con uno spettacolo musicale a ingresso libero al Teatro Argentina, in cui si esibiranno tre gruppi di artisti Rom provenienti da Spagna, Romania e Italia: il danzatore di Flamenco Juan Amaya “el Pelon”, il gruppo di musica tradizionale Mahala Rai Banda e l’ Alexian Group e Orchestra Europea per la Pace. Interverrà Ascanio Celestini con l’interpretazione di suoi racconti. Lo spettacolo ha avuto il patrocinio dell’assessorato alla Cultura del Comune di Roma. Due giorni dopo, il 10 dicembre, l’Associazione Stampa Romana terrà un seminario internazionale per giornalisti per una corretta informazione sui Rom.

Giovedì 11 dicembre alle ore 10, presso la sala Zuccari del Senato, si terrà invece il convegno “Il popolo Rom: dall’emarginazione all’integrazione possibile”, organizzato in collaborazione con la Commissione Diritti umani del Senato, in cui verranno illustrati i risultati della ricerca realizzata dalla campagna Romaidentity in collaborazione con l’Università La Sapienza di Roma su Rom e inclusione. Sarà inoltre presentato il rapporto dell’Associazione 21 Luglio “La tela di Penelope”, che fa luce sullo stato di attuazione della Strategia Nazionale di Inclusione di Rom, Sinti e Caminanti in Italia.

Interverranno: Luigi Manconi, presidente della Commissione Diritti Umani del Senato; Franca Biondelli, sottosegretario al Lavoro e alle Politiche sociali; Paola Spadari, presidente dell’Ordine dei Giornalisti del Lazio, Beatriz Carrillo de los Reyes, Associazione delle donne Rom universitarie dell’Andalusia (Spagna). Testimonianze sulle sfide incontrate oggi dai giovani Rom nell’accesso ai diritti all’istruzione e al lavoro, saranno portate da giovani Rom che hanno frequentato le attività di formazione dell’Associazione 21 Luglio e della campagna “Romaidentity – Il mio nome è Rom”.

Si ricorda che per accedere al Senato è obbligatorio l’accredito. Per informazioni e accrediti dirittiumani@senato.it – tel. 06.6706.5299
Per gli uomini sono obbligatorie giacca e cravatta. I giornalisti devono accreditarsi presso l’ufficio stampa del Senato Fax: 06.6706.2947 email: accrediti.stampa@senato.it


 


Ufficio Stampa
Ludovica Jona – Campagna “Romaidentity – Il mio nome è Rom” – l.jona@ongrc.org – 338 8786870
Danilo Giannese – Associazione 21 Luglio – stampa@21luglio.org – 388 4867611
www.romaidentity.org, www.21luglio.org

 

 

 

 

 

 

 

 

Related Posts

«Sansür: Censura. Giornalismo in Turchia» alla Libreria Ready di Roma

06/06/2013

ssansur_110

Marco Cesario presenterà il suo ultimo libro «Sansür: Censura. Giornalismo in Turchia» (Bianca&Volta Edizioni 2012) a Roma il 13 Giugno 2013 alle 18h30 presso la Libreria Ready (Librerie Indipendenti Arion) sita in via Cavour 255.

 

Sabir a Lampedusa

02/10/2014

lamp sabir 110Dall’1 al 5 ottobre l’isola siciliana ospiterà incontri, conferenze, spettacoli e dibattiti per il Festival diffuso delle culture mediterranee promosso dall’Arci, dal Comitato 3 ottobre e dal Comune di Lampedusa. L’evento ha la direzione artistica di Ascanio Celestini (teatro) e Fiorella Mannoia (musica) e sarà aperto il primo alle 21,00 con un concerto dell’Orchestra di Piazza Vittorio. Ingresso Libero.

Le Metamorfosi di Ovidio nel Parco di Rauccio

22/05/2014

reuccio 110wwwwNella riserva naturale alle porte di Lecce, Astragali Teatro ha presentato al pubblico lo spettacolo “Metamorfosi. Il canto della vita che cambia”. L’evento conclude la residenza artistica con attori internazionali organizzata nell’ambito del progetto “Walls- Separate Worlds”.