AFROPOLITAN

afropolitan 545a

Romaeuropa festival: dal 30 ottobre al 1 novembre alla Pelanda  in collaborazione con Afrodisia parte “Afropolitan”, rassegna che traduce in musica i nuovi linguaggi che da un decennio caratterizzano il rinascimento africano. Il termine, coniato nel 2005 dalla scrittrice ghanese Taiye Selasi, indica una nuova identità nera apolide di giovani africani  metropolitani nati nella loro terra d’origine, ma cresciuti altrove.

Afropolitan si apre il 30 ottobre con Baloji, definito dalla BBC “la stella nascente del Congo”, artista belga/congolese che canta la sua storia frammentata da incontri e dalla ricerca della propria identità mescolando rap, hip hop e reggae con il soul degli anni Sessanta e i suoni della tradizione congolese: un mélange potentissimo capace di scardinare le aspettative occidentali sul tema delle sonorità africane.

//Baloji - "Le Jour d'Après / Siku Ya Baadaye" (Indépendance Cha-Cha)

 
Segue il 31 ottobre la formazione SwamiMillion aka LV & Fawda Trio che  ci conduce, con Road To Essaouira in un viaggio tra Italia l’Inghilterra e Marocco per un melting pot sonoro in cui si rintracciano gnawa, jazz, hip hop e tutte le sfumature della musica elettronica contemporanea.
Protagonisti del viaggio sono Fawda Trio (Fabrizio Puglisi, Reda Zine e Danilo Minneo),experimental jazz e Gnawa da Bologna, e LV aka SwamiMillion (Simon Williams e Will Horrocks), campioni dell’etichetta inglese Hyperdub.
Link audio:https://soundcloud.com/original-cultures/lv-aka-swamimillion-vs-fawda-trio-road-to-essaouira-beat-tape-snippets
 
Afropolitan si chiude il 1 novembre con  OY, il duo formato dalla carsimatica vocalist svizzero ghanese Joy Frempong, con all’attivo un duetto con Lucio Dalla, e dal batterista e produttore Lleluja-Ha. Classe 1978, residente a Berlino, Frempong deve il suo successo alle sue narrazioni creative realizzate con una scrittura al contempo leggerissima, coinvolgente e densa. Ospitato dai più importanti festival internazionali (Sonar, Montreaux Jazz, Transmusicales)  il duo OY ci invita nel  No problem Saloon (dal titolo di un brano del loro ultimo disco), uno spazio in cui elettronica e suoni campionati nella sua terra di origine si mescolano, nel segno della leggerezza, per un live in cui clubbing e tradizione convivono in un sorprendente equilibrio.

//OY - "Market Place" (official music video)

I 3 concerti di Afropolitan saranno aperti ogni giorno dai dj set di Raffaele Costantino, conduttore radiofonico e dj che negli anni ha plasmato una sua personale ricerca musicale, esplorando le radici del suono afroamericano con le sue radici ritmiche, la sua antropologia culturale. Un percorso in continua evoluzione che si manifesta attraverso le varie declinazioni: con Musical Box, radioshow in onda ogni giorno su Rai Radio 2 e con dj Khalab – progetto artistico nel quale da anni sfoga la sua esigenza afrofuturistica. 

Per Afropolitan Raffaele Costantino presenta dj set filologici, diversi ed originali in base all’ospite della serata: la sua selezione accompagnerà l’inizio dei concerti con un percorso progressivo che va dalle radici ancestrali della musica Nera ai suoi più moderni e contaminati linguaggi.
Mercoledì 29 ottobre dalle 23.00 Musical Box Radio 2 dedicherà una puntata speciale di approfondimento sugli artisti che si esibiranno ad Afropolitan.

afropolitan 545b

 


 

BIGLIETTO SINGOLO 15 EURO

Biglietto per le 3 serate 30 euro.

 

Related Posts

"Verità per Giulio Regeni"

24/02/2016

logo amnesty 110Amnesty lancia una nuova mobilitazione per fare luce sulla morte del giovane ricercatore al Cairo. La Federazione nazionale della Stampa raccoglie l'invito. il 25 febbraio, a un mese dall’omicidio di Regeni, sit-it davanti all'ambasciata d'Egitto.

Shlomo, la terra perduta

18/11/2013

shlomo110Giovedì 21 novembre, alle 18,30 al Teatro alle Colonne di Milano, il film-inchiesta di due giornalisti, Stefano Rogliatti e Matteo Spicuglia sulla più antica minoranza del Medio Oriente, gli Aramei, un popolo cristiano antichissimo che parla ancora l’aramaico. Vittima dei massacri del secolo scorso, oggi sono appena 2500.

Ferite a morte

06/05/2013

ferite_110Ancor prima che materia giuridica, è emergenza culturale. Coinvolge tutti, uomini e donne. Bisogna affrontarla subito, partendo dalla prevenzione come altri Paesi hanno già fatto.