I Mashrou’ Leila in Italia per tre date

mash 545

ll 6, 7 e 9 novembrea Mestre, al Barezzi festival di Parma e a Milano arrivano i Mashrou’ Leila: 5 ragazzi libanesi che con i loro travolgente indie-rock sono riusciti a creare negli ultimi anni un incredibile movimento giovanile trasversale, dal Libano al Marocco, passando per Giordania, Palestina, Egitto, Tunisia e arrivando persino in Israele. Con un sound originale ed energico, più di duecentomila fan su Facebook, un singolo che ha superato il milione di visualizzazioni su YouTube e un nutrito seguito in tutto il mondo, la più famosa band del Medio Oriente ha anche ottenuto la copertina del prestigioso Rolling Stone.

//Raksit Leila - Mashrou' Leila [Official Video]

I loro testi raccontano l’attuale situazione del Mediterraneo del sud parlando di politica, di controllo delle masse, di rivoluzione ma anche di amore e speranza in un Paese, il Libano, che impedisce a giovani di confessioni religiose diverse di sposarsi tra loro e dove l’amore omosessuale è ancora un grande tabù. Dopo il suo outing, Hamed Sinno, il leader del gruppo,  è diventato un’icona generazionale per entrambi i sessi.

Il sound dei Mashrou’ Leila affonda le radici nella tradizione ma guarda al futuro per un melange potentissimo di musica rock, suoni della terra d’origine e melodie pop.

Per evitare la censura, rifiutando i meccanismi delle major, nel 2011 esce El Hal Romancy, sei canzoni di lotta contro l'oppressione del governo libanese, e nel 2013 Raasuk, nato grazie al contributo dei fan tramite Zoompal, prima piattaforma di crowdfunding del mondo arabo.

La band ha chiesto, attraverso la musica, una diversa rappresentazione dello sviluppo culturale arabo, a partire dall’ascolto dei bisogni delle persone.

Su Twitter, i Mashrou’ Leila hanno spopolato con l'hashtag #occupyarabpop, forte presa di posizione contro la cultura pop stereotipata, raccogliendo in poche settimane 66.000 dollari.

http://www.mashrouleila.com/ 

//Fasateen - Mashrou' Leila [Official Video]

Booking / Info concerti:
Musicalista  Tel. 011 55 33624 magalie@musicalista.it www.musicalista.it

Ufficio stampa:
Giulia Di Giovanni gulidigi@gmail.com Tel. 334 1949036

 


 

 

 

 

 

 

 

Related Posts

«Sono un capitalista dei valori umani»

02/12/2008

«Sono un capitalista dei valori umani»Roger Assaf è il primo drammaturgo ed attore del mondo arabo onorato dalla Biennale del Teatro di Venezia con un Leone d’Oro alla carriera e alla sua opera teatrale.

Quando gli arabi esportavano il tarab

26/01/2016

Quand les Arabes exportaient le Tarab | babelmed | culture méditerranéenneRacconto. Tra la rivoluzione egiziana del 1919 e l’inizio della guerra del Libano nel 1975, il Medio Oriente vive una parentesi di libertà sociale e artistica benedetta. Sulle tracce di alcuni dei protagonisti di questo periodo, in un racconto basato sull’ultima graphic novel di Lamia Ziadé, per immergervi in un patrimonio culturale mitico. Perduto per sempre? (Ebticar/Le Desk)

“Bamboccione” libanese e immigrati tra i premiati al TFF

06/12/2011

“Bamboccione” libanese e immigrati tra i premiati al TFFIl Torino Film Festival incorona il cinema emergente islandese, l’esordiente Gunnar Sigurdsson con “Either way”; premio speciale al Libano inedito di “Ok, enough, goodbye“. Il miglior documentario internazionale, il francese “Les éclats” di Sylvain George