Liberazione di Alaa Abdel Fattah

COSPE chiede la liberazione di Alaa Abdel Fattah. Dopo 8 mesi carcere e 80 giorni consecutivi di sciopero della fame Alaa è in condizioni critiche.

Alaa 545

Firenze, 23 gennaio 2015 - Ancora un appelloper la liberazione di Alaa Abd El- Fattah, blogger e attivista politico egiziano, condannatonel giugno del 2014 a 15 anni di carcere insieme ad altri 24 attivistie attualmente trasferito nell’ ospedale del carcere in cui è rinchiuso a causa di uno sciopero della fame che Alaa sta portando avanti da 80 giorni consecutivi.

Ancora una volta COSPE chiede cheil Governo e al Parlamento italiani facciano pressione sul Governo egiziano per il rilascio immediato di Alaa, anche in considerazione delle sue condizioni di salute ormai molto critiche, e anche il rilascio di tutti coloro che ingiustamente vengono detenuti –tra cui anche la sorella di Alaa, Sanaa- e perché venga abolita la legge 107/2013 sul diritto di manifestazioni pubbliche, in conformità con la Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo e il Patto internazionale sui diritti civili e politici, di cui l’Egitto è firmatario. 

Alaa 300Alaa è stato collaboratore COSPE negli anni 2004 2007 su progetti relativi alla formazione e all’educazione “digitale” dei giovani ed ha contribuito in maniera determinante alla creazione del primo “community media center” aperto a giovani e donne in una comunità periferica del Cairo. Da allora e fino ad oggi, in un contesto politico e sociale sempre più complesso per l’Egitto, abbiamo sempre seguito la sua attività di attivista politico, condividendone molte delle posizioni e contribuendo a sostenerlo ogni volta che c’è stata la necessità di un coinvolgimento della comunità internazionale per la sua liberazione o per le cause e le azioni da lui promosse.

La petizione per la liberazione di Alaa è ancora attiva e ha raggiunto quota 24mila firme! https://www.accessnow.org/page/s/free-alaa

 



Per info:

Pamela Cioni

ufficio stampa COSPE

055 473556

cell. 3382540141

cioni@cospe-fi.it    

 

 

 

 

 

 

 

Related Posts

Egitto, la marcia delle donne

11/03/2011

Egitto,  la marcia delle donneDurante la manifestazione per l’8 Marzo, quando gli uomini presenti hanno letto i volantini con le richieste delle donne (una Costituzione secolare e la possibilità di candidarsi alla Presidenza) sono iniziate le aggressioni fisiche e le molestie sessuali. C’è stato un fuggi fuggi generale. Silenzio dei mass media.

A marzo elezioni parlamentari in Egitto

15/02/2015

egy-ele 110xxx yyyUn calendario è stato finalmente stabilito per le attese consultazioni che si svolgeranno dal 22 marzo fino alla fine di aprile. (Ebticar / Mada Masr)

La protesta dei rivoluzionari di piazza Tahrir: il popolo è una linea rossa

02/12/2011

La protesta dei rivoluzionari di piazza Tahrir: il popolo è una linea rossaDopo nove mesi gli egiziani hanno realizzato che la rivoluzione, che è gli costata molto cara, non ha cambiato nulla del vecchio sistema. L’apparato di sicurezza è ancora onnipresente, continua a reprimere e sta al di sopra della legge…