Libertà di associazione

medit bab dossier 110 Il dossier ”Libertà di associazione" è stato realizzato in partnership con Medit.
medit3 libya 110

L’attivismo della società civile in Libia nonostante le difficoltà

Già nel marzo 2011 nel paese si contavano quasi duemila organizzazioni operanti nei settori dell’assistenza, cultura, gioventù, diritti umani, parità di genere, servizi alla persona. Un lavoro di volontariato che ha mobilitato decine di migliaia di persone che credevano nel cambiamento e speravano in uno sviluppo democratico della società post-Gheddafi.

medit3 110 jalel

Tunisia, esplosione di associazioni

La vita associativa è radicata nella storia del Paese. Dopo la fine del regime di Ben Ali la più grande novità è l’apertura di associazioni che operano in campi prima esclusi, negati, come il razzismo, la questione berbera, le minoranze. Oggi in Tunisia si contano più di 18 mila associazioni, e si registra anche una elevata partecipazione femminile.

asso eg 110

Libertà di associazione. Egitto, minacciato il diritto ad associarsi

Sono sotto tiro le Ong che si occupano dei diritti della persona e che si impegnano in politica. Secondo Amani Kandil, alla guida della rete araba delle Ong, in Egitto se ne contano 42.600, comprese 820 specializzate nella difesa dei diritti. Centinaia di egiziani sono detenuti per aver infranto una legge che vieta ogni forma di manifestazione.

mdt3 maroc 110

Libertà d’associazione, ostacoli in Marocco

Si contano 90 mila associazioni, ma il ruolo dello Stato sul rilascio delle autorizzazioni suscita polemiche. La Costituzione attuale (2011) considera il diritto di associarsi come uno dei più importanti. Il governo islamista del partito Giustizia e Sviluppo accusa le associazioni che operano nei diritti umani di essere finanziate dall’estero. Si moltiplicano le restrizioni.

Related Posts

Dossier Egitto

01/03/2011

Dossier EgittoDopo 30 anni di governo autoritario e poliziesco, la rivoluzione egiziana del 25 gennaio è riuscita a cacciare Mubarak. Hanno vinto i giovani di piazza Tahir, quelli del social network.

Vittorio Arrigoni, 1975-2011

30/04/2011

Vittorio Arrigoni,  1975 - 2011Se n’è andato Vittorio, come tanti altri, pur lasciando le sue radici salde in Palestina. La sua vita è stata un continuo messaggio di solidarietà verso chi soffre, perché non ha più i diritti neanche per piangere. Grazie Vittorio per averci insegnato che restare umani è l’unica vera lotta per la quale vale la pena diventare “shahid”.

Dossier Tunisia

29/01/2011

Dossier TunisiaDopo la fuga del presidente Ben Ali, la Tunisia è attraversata da oltre un mese da manifestazioni e contestazioni contro il regime per sollecitare la democrazia, il rispetto dei diritti. Il paese vive una transizione democratica difficile ma sperimenta anche nuove forme di libertà che corrono attraverso internet e le tv.