Fuori campo: un documentario per sfatare gli stereotipi antizigani

//Trailer

 

In Italia i Rom sono quasi sempre associati a una condizione di precarietà ed emarginazione sociale. Stime non ufficiali parlano di quasi 200mila residenti nel Paese, di cui circa 40mila in situazioni di forte disagio abitativo, tra baracche, container, “centri d'accoglienza” o fatiscenti edifici occupati. 

Da questi dati si evince che, contrariamente alle comuni credenze a riguardo, la maggior parte di loro non vive nei campi ma in normalissime case “in muratura” e affronta i problemi quotidiani di ordinaria amministrazione, proprio come ogni altro comune cittadino italiano.

Il film di Paolo Panariello “Fuori Campo” racconta alcune di queste storie spostando il punto di osservazione dal solito “campo visuale” ristretto e deformato dai ben noti stereotipi nati attorno a questo popolo, e soprattutto fuori dal contesto del “campo nomadi”. Riprendendo la vita quotidiana di Sead, Kjanija, Leonardo e Luigi a Cosenza, Firenze, Bolzano e Rovigo, il regista racconta uno spaccato importante dell’Italia di oggi, restituendoci un punto di vista insolito e in genere poco conosciuto: quello di chi appartiene a una minoranza da generazioni vittima di pesanti stigmatizzazioni e sempre più frequenti attacchi razzisti.

fuori campo 200Prodotto da Figli del Bronx in collaborazione con le associazioni OsservAzione e Compare/Mammut, da anni impegnate sul tema dei diritti di Rom e Sinti in Italia, il film sarà proiettato in diverse città italiane a partire dal mese di febbraio.

 


 

 

Per Informazioni e organizzare le proiezioni nella tua città:

fuoricampo@osservazione.org

logo OSF

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Related Posts

Incontro con Marco Baliani

06/08/2008

Incontro con Marco BalianiRegista teatrale da più di 30 anni, attore per il cinema, scrittore… Tra le sue tante realizzazioni nel campo di arte, danza, teatro, film e fotografia, è stato presentato “Kholhaas”, spettacolo cult che ha dato vita al “teatro di narrazione” in Italia.

A Rovigo gli artisti italiani della Maison Goupil di Parigi

15/05/2013

rovigo_110bisEsposte a Palazzo Roverella opere di alta qualità pittorica e di un verismo attento e sensibile alle trasformazioni sociali, storiche, politiche, economiche, mai prima presentate tutte insieme in Italia. Un successo italiano nella capitale francese negli anni dell’Impressionismo.

Il dramma della Siria in due film al TFF

05/12/2014

tff 2014 110“Eau argentée, Syrie autoportrait” di Ossama Mohammed e Wiam Simav Bedirxan e “Il sergente immortale” di Ziad Kalthoum. Premiato al Concorso Internazionale come miglior film: “Mange tes morts” di Jean-Charles Hue. Successo del Festival e della retrospettiva di Giulio Questi, deceduto a 90 anni il 3 dicembre. La direttrice Martini: “Una fonte di continue scoperte”.