Indipendenze culturali

 

 

Radio M, prima radio libera d’Algeria? | babelmed | cultura mediterranea

Radio M, prima radio libera d’Algeria?

Mentre si fanno i primi faticosi passi verso un’apertura del settore televisivo all’iniziativa privata, quello delle radio resta bloccato fino al 2015. Questo non ha impedito a Radio M di muoversi con anticipo per diventare una delle prime radio libere del paese. Compito facilitato dalla sovvenzione ottenuta attraverso il programma Ebticar. Incontro con Nejam Rondeleux, giornalista del team di Radio M. (Ebticar/Radio M)

Una vita indipendente: sempre più tardi | babelmed | cultura mediterranea

Una vita indipendente: sempre più tardi

Un primato insospettabile è stato raggiunto nella regione del Medio Oriente e Nord Africa. I giovani maschi sono tra coloro che si sposano più tardi rispetto a tutti i paesi in via di sviluppo. In una regione dove il matrimonio è ancora sinonimo di indipendenza dalla famiglia, questo è uno dei più evidenti segnali della perdurante disoccupazione diffusa, come spiega bene l’infografica di Visualizing Impact.

Safineh, video dedicato al porto di Beirut | babelmed | cultura mediterranea

Safineh, video dedicato al porto di Beirut

Gab Ferneiné è un consulente per la comunicazione con la passione per il video sperimentale. Il suo ultimo lavoro, Safineh, nave in arabo. In questa breve intervista, pubblicata originariamente da Mashallah News, spiega come è nato questo lavoro in collaborazione con il giovane musicista indipendente Nabil Saliba, noto come Trash.Inc, diventato celebre anche grazie al sito di file sharing PirateBeirut. (Ebticar/Mashallah news)

Mohamed Ali, Amina e Hichem: 450 euro al mese | babelmed | cultura mediterranea

Mohamed Ali, Amina e Hichem: 450 euro al mese

Mohamed Ali e Amina sono una coppia di trentenni, vivono a Manouba insieme con loro figlio. Lui è professore di informatica, lei lavorava come tecnico di laboratorio, ma ha smesso di lavorare un anno fa, prima della nascita di Hichem. “Guadagnano” 1023 dinari al mese (450 euro), ma ne spendono 1299. Un tuffo nel loro portafogli, per conoscere la realtà di una giovane coppia in Tunisia. (Ebticar/Inkyfada).

Youssef Alimam, “Libido”, con humour | babelmed | cultura mediterranea

Youssef Alimam, “Libido”, con humour

A 22 anni Youssef Alimam si è aggiudicato il premio Youssef Chahine Giovani per il miglior cortometraggio e il Rotary Award per il miglior film per la pace, grazie a un piccolo cortometraggio in cui combina i suoi diversi talenti di artista indipendente a tutto tondo: regia, sceneggiatura, suono. E in cui recita, con effetti esilaranti perché si parla di sesso. (Ebticar/Mashallah news)

Egitto: le contraddizioni della musica indie | babelmed | cultura mediterranea

Egitto: le contraddizioni della musica indie

L’inizio del nuovo millennio ha visto nascere la scena musica “indie” in Egitto, nutrita dagli artisti e gruppi delusi dall’industria musica di mercato. Circa 14 anni dopo, questo termine resta ambiguo e difficile da definere. Mada Masr esplora le luci e ombre dell’industria musicale indipendente in Egitto. (Ebticar/Mada Masr)

Il Sahara suona il rock  | babelmed | cultura mediterranea

Il Sahara suona il rock

Il fotografo francese Arnaud Contrera percorre da diversi anni il deserto del Sahara per raccontare attraverso la musica che nasce tra le dune il cambiamento della regione. Attraverso una campagna di crowdfunding punta a completare il suo progetto fotografico e pubblicare il libro “Sahara Rocks”, un documento unico di una cultura indipendente in rapida trasformazione. Qui spiega perché. (Ebticar/Mashallah news)

 

 

 

 

 

Related Posts

Le città di Arco Latino

23/06/2010

Le città di Arco LatinoTorino, Montpellier, Maiorca, Nuoro. Nelle 4 città si sono svolte inchieste giornalistiche per indagare e capire se queste realtà urbane rappresentano nuovi modelli di convivenza, luoghi di sfide e opportunità per differenti culture e identità.

Progetto Dar-Med: inchiesta sui fenomeni di radicalizzazione

18/10/2008

Progetto Dar-Med: inchiesta sui fenomeni di radicalizzazione12 giornalisti indagano sui fenomeni di radicalizzazione in Italia, Francia, Olanda, Algeria, Marocco, Egitto, Palestina, Israele. I loro articoli, raggruppati in questo dossier, si inseriscono in un ampio progetto coordinato dal Cospe.

Dossier - "Racconti..."

03/03/2015

alate 110I racconti del lavoro invisibile è un opera-progetto di contaminazione tra diverse discipline artistiche che intende esplorare in chiave crossmediale le trasformazioni del lavoro contemporaneo a partire dalle donne, dalla natura gratuita, flessibile, affettiva e relazionale del loro operare: dimensioni di cura trasformate in pratiche produttive che hanno riformulato l’intera struttura del mondo del lavoro, coinvolgendo allo stesso tempo donne e uomini.