"Volunteering for Remembrence": bando

roma nia 545

Phiren Amenca, un network di volontari, Rom e non, ha annunciato il “Volunteering for Remembrance! Phiren Amenca seminar on remembrance and human rights education” (Volontariato per la memoria! Il seminario Phiren Amenca sulla memoria e sull’educazione ai diritti umani), che si terrà a Oravita, in Romania, dal 29 aprile al 6 maggio.

Il progetto coinvolgerà 40 volontari, giovani attivisti e formatori da 13 diversi Paesi con lo scopo di creare delle opportunità per un’educazione informale e per stabilire un dialogo per sfidare stereotipi e razzismo.

Questo seminario internazionale ha come obiettivo consolidare le competenze e le capacità di volontari, giovani attivisti, Rom e non, e delle loro organizzazioni sui temi della memoria, dell’Olocausto e dell’educazione ai diritti umani per mettere in discussione i principali pregiudizi antigitani.

Portanno partecipare al seminario giovani volontari, ricercatori e attivisti che lavorano a contatto diretto con le comunità Rom o che abbiano avuto esperienza sul terreno e anche giovani Rom.

 

Per inviare la propria candidatura: http://phirenamenca.eu

DEADLINE: 6 marzo 2015

roma nia 300 

http://phirenamenca.eu

 


 

 

 

 

 

 

 

 

Related Posts

Spunta la Primavera digitale al Salone del Libro

11/05/2012

libto_110La kermesse internazionale fino al 14 maggio a Torino. Spagna e Romania sono i due Paesi ospiti. Centinaia di appuntamenti con scrittori italiani e di fama internazionale. Domenica Grillo presenta il suo libro “Siamo in guerra. Crollo del vecchio mondo”

Lampedusa infestival - “L’incontro con l’Altro”

28/02/2012

Lampedusa infestival - “L’incontro con l’Altro”Festival delle migrazioni e del recupero della storia orale con concorso per filmakers - dal 19 al 23 luglio 2012 a Lampedusa. Scadenza bando di concorso 19 maggio 2012

WEB ARTS RESISTANCES - Tre film per raccontare una Roma resistente, inclusiva, creativa

02/05/2017

comunicato-110Tre cortometraggi per raccontare una Roma insolita, dove l’arte diventa strumento di resistenza e di rinascita urbana: dal Trullo rianimato da poesia e colori di autori anonimi e conosciuti, alla Pineta Sacchetti dove rivivono le storie di un quartiere raccontate sui muri e sulle serrande, alla sfida delle ragazze della street art, che anche all’ombra del Colosseo si fanno strada in un mondo ancora prevalentemente maschile, al MAAM, Museo dell’Altro e dell’Altrove di Metropoliz, unico museo abitato del mondo, dove una variegata comunità multiculturale e autogestita sta trasformando un ex salumificio occupato sulla Prenestina in un presidio di cultura e diritti.