Democrazia e Lavoro

Lavorare con dignità | babelmed | cultura mediterranea

Lavorare con dignità

A Beirut, vicino al campo profughi di Shatila dove, insieme a più di novemila palestinesi, ora vivono anche centinaia di siriani, un laboratorio di ricamo e sartoria aiuta le donne fuggite dalla guerra a ritrovarsi. Una comunità tutta al femminile, creata da giovani siriane, anche loro in esilio, per incoraggiare creatività e solidarietà. (Ebticar/Mashallah news)

Il traghettatore di anime | babelmed | cultura mediterranea

Il traghettatore di anime

A Sfax Padre Jonathan accompagna alla loro ultima dimora i migranti che hanno perso la vita tentando di raggiungere l’Europa. Nel cimitero cristiano della città offre una degna sepoltura a questi viaggiatori smarriti. (Ebticar/Inkyfada)

Fuori i salafiti dalle moschee | babelmed | cultura mediterranea

Fuori i salafiti dalle moschee

Sidi Bouziz è stata oggetto di aspre contese dopo la caduta della dittatura. Città simbolo della rivolta tunisina, situata nell’entroterra del Paese, è stata a lungo presidiata dai salafiti. Finché gli abitanti hanno riconquistato tutte le sue moschee sottraendole alla loro influenza. (Ebticar/Tunisie Bondy Blog)

“Away from home” | babelmed | cultura mediterranea

“Away from home”

Il fotografo Kursat Bayhan da cinque anni documenta le condizioni di vita degli abitanti di Eminönu e Küçükpazar, a Istanbul: migranti interni provenienti dai piccoli villaggi di campagna delle zone orientali e sudorientali del Paese. (Ebticar/Mashallah news)

I disegnatori tunisini su Charlie Hebdo: liberi sì, ma non troppo! | babelmed | cultura mediterranea

I disegnatori tunisini su Charlie Hebdo: liberi sì, ma non troppo!

Che posizione prendere sulle minacce alla libertà di espressione dopo gli attentati al settimanale satirico francese? Il punto di vista di alcuni autori. (Ebticar / Inkyfada)

A El Guettar, gli abitanti reinventano la democrazia diretta | babelmed | cultura mediterranea

A El Guettar, gli abitanti reinventano la democrazia diretta

A El Guettar, Redeyef o Thala, accanto alla bellezza del paesaggio, delle montagne, desertiche o verdissime a seconda della vicinanza al Sahara, colpisce la totale assenza di infrastrutture, strade asfaltate, mezzi di trasporto. Come fanno gli abitanti a gestire la quotidianità? (Ebticar/Tunisie Bondy Blog)

   
   
   

 

 

 

Related Posts

Inchiesta n°4: Creazioni meticcie

13/10/2010

Inchiesta n°4: Creazioni meticcieL’obiettivo di questa inchiesta è approfondire gli spazi e le creazioni dei migranti e dei giovani nei contesti urbani, tracciando un primo quadro, composito e ibrido, delle realtà artistiche in alcune città europee e mediterranee.

Gli Hammam, identità della Medina di Tunisi

25/08/2015

0 ham 110Dei cinquanta hammam storici segnalati nel XIX° secolo a Tunisi (ma nei secoli precedenti erano 72), solo 26 hanno potuto mantenere la propria attività, diciassette sono stati distrutti e altri sette sono stati chiusi. Intervista ai proprietari di due prestigiosi hammam della Medina – Remmimi eTammarine - alle prese con difficoltà enormi che ne impediscono un funzionamento regolare e positivo. Il parere di un’esperta.

Libertà di associazione

02/02/2015

medit3 asso 110

Per i cittadini sono uno strumento importante per condividere uno scopo comune, per esprimere le proprie idee, un’opportunità per la partecipazione politica e sociale. Esiste la libertà di associazione in Egitto, Libia, Marocco, Tunisia? Quattro giornalisti che vivono in quei Paesi ci raccontano una realtà complessa.