Nasce in Turchia l’Istituto di Cultura Rom

trakya 250Gli studi e le ricerche accademiche presso l’Istituto di Ricerca sulla lingua e la cultura Rom dell’Università di Trakya, a Edirne, sono ufficialmente cominciati.

Il centro, creato per proteggere il patrimonio storico e culturale della comunità dei Rom in Turchia, approdondirà gli aspetti linguistici, storici, politici, sociali, demografici, economici e culturali di questa importante minoranza presente nel Paese e pubblicherà i suoi lavori.

Sarà, inoltre, coinvolto in studi sulle condizioni dei Rom nei Balcani.

L’istituto vuole essere un prezioso supporto per governo e municipalità nel sostenere le comunità Rom presenti nel territorio. Ricercatori dai Balcani potranno prender parte agli studi dottorali.

Il Presidente dell’Università di Trakya, Yener Yörük, ha ricordato l’unicità dell’istituto e affermato che sarà uno strumento importante per portare pace nella società. “Raccoglieremo tutti i documenti pubblicati sui Rom nel mondo, in particolare quelli che riguardano Balcani e Turchia”.

 


 

 

 

 

 

 

Related Posts

Cosa succede in Turchia in questo momento?

03/06/2013

gezy_110Tutto inizia con le proteste pacifiche contro la distruzione di uno dei pochi parchi rimasti in centro città. Taksim è il cuore di Istanbul dal punto di vista dell’aggregazione sociale e lo è ancora di più il Parco di Gezi che è destinato a scomparire.

Sposarsi a Istanbul è trendy

21/09/2009

Sposarsi a Istanbul è trendyNon solo i turchi scelgono la città sul Bosforo, ma anche migliaia di coppie di stranieri, in testa inglesi, olandesi e tedeschi. Un nuovo business che frutta ogni anno oltre 300 milioni di euro.

Impresa tessile senza capi rivoluziona le norme di genere in Turchia

17/11/2016

Özgür Kazova: l’usine textile sans patrons qui révolutionne les normes de genre en Turquie | babelmed | femme - migration - méditerranéeDalle ceneri di una impresa tessile fallita, dopo che il personale non era stato pagato per mesi, sta nascendo una nuova fabbrica gestita collettivamente, senza capi e dirigenti. Dopo anni di battaglie con i precedenti proprietari, e anche tra i lavoratori, la Özgür Kazova lotta per dar vita a un nuovo modello di impiego, in cui il lavoro di uomini e donne è valutato alla pari. Mashallah News