“R.O.M., Rights of Minorities”

rom 154x154greybisI Rom, i Sinti, i Kalé, i Manouches e i Romanichels sono circa 16 milioni nel mondo, di cui 12 milioni in Europa, e subiscono gravi discriminazioni, continue violazioni dei loro diritti fondamentali e numerose aggressioni di natura razzista in tutti i Paesi di insediamento.

La Risoluzione approvata nel 2011 dall’UE sulla “strategia per l’integrazione rom” mostrava una situazione allarmante: nel continente migliaia di persone appartenenti a questi gruppi vivono in condizioni di estrema emarginazione e povertà, aggravate dalle politiche di esclusione sociale di alcuni governi.

Ma qual è la realtà in cui vivono? Sono veramente tutti di origine Rom, o molti di loro sono parte di quel nuovo mondo povero europeo, noto come “quarto mondo”?

Riducendo e semplificando l’enorme complessità dei gruppi romanès a una minoranza compatta e monolitica le istituzioni europee non stanno forse tentando di “etnicizzare” chi vive ai margini delle nostre società per non dover affrontare il preoccupante e inarrestabile processo di impoverimento che ormai riguarda tutti, non solo queste minoranze?

Il fenomeno della “Romfobia” è senza dubbio molto radicato e preoccupante in tutti i Paesi d’Europa con conseguenze drammatiche sulla vita di queste persone: nel 2015, babelmed ne approfondirà i diversi aspetti realizzando tre cicli di inchieste giornalistiche in Francia, Italia, Spagna e Turchia con il sostegno della Open Society Foundation.

Il primo ciclo è dedicato alle origini storiche, sociali, culturali, economiche delle mitologie e degli stereotipi che riguardano questi gruppi nei quattro Paesi coinvolti.

Il secondo ciclo approfondirà le conseguenze concrete che queste visioni distorte e strumentali hanno sulla vita delle diverse comunità: dal problema dell'alloggio al mancato accesso all'istruzione e alla sanità, dall’emarginazione sociale all’esclusione dal mondo del lavoro.

Il terzo darà visibilità all'importante contributo culturale e artistico di queste popolazioni in Europa e nel Mediterraneo, con particolare attenzione alle realtà francese, italiana, spagnola e turca.

La redazione realizzerà inoltre un mapping di tutte le associazioni che lavorano sul terreno in difesa dei diritti dei popoli romanès in Francia, Italia, Spagna e Turchia e delle loro attività in ambito culturale, artistico, sociale, di sensibilizzazione e informazione.

I materiali prodotti saranno diffusi in francese, inglese e italiano.

 

Gli eventi

In occasione delle pubblicazioni delle inchieste, ad aprile, giugno e settembre 2015, babelmed organizzerà tre eventi a Roma per diffonderne i contenuti presso le biblioteche del circuito Roma Multietnica-Servizio Intercultura.

A ogni incontro sarà proiettato un documentario realizzato da registi di cultura romanì, e non solo, selezionato dal Centre Méditerranéen de la Communication Audiovisuelle (CMCA) di Marsiglia nelle ultime edizioni del Primed (www.primed.tv).

Interverranno agli incontri rappresentanti delle comunità, ricercatori, scrittori, artisti, attivisti e operatori sociali.

BibliotecaMandelaIl primo appuntamento sarà il 15 aprile alla Biblioteca Nelson Mandela di Roma (Via La Spezia, 21), dalle 17,30 alle 20,00 e affronterà i principali stereotipi e pregiudizi contro i rom diffusi nei quattro Paesi coinvolti nel progetto.

 

Interverranno:

Federica Araco, giornalista (coordinatrice del progetto R.O.M., babelmed, Italia);

Nathalie Galesne, giornalista (caporedattrice babelmed, Francia);

Övgü Pınar, giornalista (babelmed, Turchia);

Martina Chichi, giornalista (Associazione Carta di Roma);

Simone Zamatei, coordinatore locale del progetto “Sar San 2.0” (Cooperativa ABCittà);

Laura Halilovic, regista;

Dalle 19,00 alle 20,00 ci sarà la proiezione del documentario Io, la mia famiglia rom e Woody Allen di Laura Halilovic (50’, Italia, 2009), selezionato al PriMed e gentilmente concesso dal Centre Méditerranéen de la Communication Audiovisuelle (CMCA) di Marsiglia.

 

I partner del progetto

“R.O.M. Rights of Minorities”, sostenuto dalla Open Society Foundation, coinvolge:

-        L’Associazione Carta di Roma (Italia), nata nel 2011, per dare attuazione al protocollo deontologico siglato dal Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti (CNOG) e la Federazione Nazionale della Stampa Italiana (FNSI) per una corretta informazione sui temi dell’immigrazione. È ormai diventata un punto di riferimento per giornalisti e operatori dell’informazione ma anche per enti di categoria e istituzioni, associazioni e attivisti impegnati da tempo sul fronte dei diritti dei richiedenti asilo, dei rifugiati, delle minoranze e dei migranti (www.cartadiroma.org).

-        Bianet.org (Turchia), magazine on line in turco e in inglese specializzato in diritti umani (www.bianet.org).

-        Il Centre Méditerranéende la Communication Audiovisuelle (CMCA) di Marsiglia (Francia), una rete che dal 1995 raggruppa televisioni, produttori cinematografici e altri attori del settore audiovisivo nell'area culturale mediterranea per sviluppare uno spazio di interscambio tra gli operatori pubblici o privati dell'audiovisivo della regione (www.cmca-med.org).

-        FederArteRom (network europeo), federazione di più di ottanta associazioni e organizzazioni, rom e non, attive nella difesa dei diritti umani e nella sensibilizzazione riguardo al fenomeno della Romfobia attraverso l’arte, la cultura e la ricerca (https://federarterom.wordpress.com ).

-        Il Servizio Intercultura delle Biblioteche di Roma Capitale (Italia) da molti anni impegnato nell’organizzazione di eventi e progetti per promuovere una maggiore conoscenza delle diverse culture e comunità che convivono nella città (www.romamultietnica.it).

 


 

 Con la collaborazione di:

logs pro rom 545

 

Con il sostegno di:

logo OSF

        

 

 

Per maggiori informazioni:

logo bab 110

 

info@babelmed.net

 


 

 

 

 

 

 

Related Posts

Documentary in Europe 2012

30/08/2012

doc16_11016ma edizione a Bardonecchia. La settimana del documentario si svolge dall'8 al 13 settembre. Si alterneranno laboratori, presentazioni di progetti, masterclass, case studies, proiezioni, incontri… un'occasione unica per promuovere i progetti di film documentario esviluppare collaborazioni tra professionisti. Una programmazione che punta sulla tematica sociale.

Parole per strada

31/08/2012

parole_110Parole per strada è un concorso letterario internazionale ad invito per racconti brevi, aperto a tutti i generi e a tutte le forme della narrativa. Il tema previsto per l’edizione 2012 è: Camminando con...

I sinti di Prato accolgono i profughi

04/09/2015

sinti prato 110“Abbiamo sempre reclamato maggiori diritti per le minoranze, non solo per le nostre, ci siamo sempre battuti per l’eguaglianza, per il contrasto alla xenofobia e per il diritto ad una vita dignitosa per tutti. Come cittadini italiani e pratesi (perché questo siamo), come europei e come Sinti, non possiamo continuare a guardare con indifferenza tutto quello che sta accadendo”, scrive il presidente della comunità, Ernesto Grandini.