Helmi M'hadhbi suona l'antico strumento arabo

//Foto da post Cultura è Libertà una campagna per la PalestinaHelmi M'hadhbi, musicista tunisino, suona l'antico strumento arabo. "Dedico le mie musiche al popolo tunisino, il primo a rompere il silenzio e a dire: “dégage!“ al dittatore. E ai popoli che si sono lasciati avvolgere dalla brezza di libertà e si sono ribellati contro l’ingiustizia. Le dedico a tutti bambini che vivono nella sofferenza... e in particolare, ai bambini palestinesi, esempio di resistenza e di speranza. Perché dalle tenebre dell’oppressione nasce la luce della libertà”. Ogni brano verrà illustrato dall'autore nell'atmosfera suggestiva e accogliente del Centro Baobab.

Ingresso a sottoscrizione (min.5 euro) a sostegno del progetto "LIUTAI A GAZA, la musica al lavoro contro la distruzione", promosso da Cultura è Libertà e Al Kamandjati, scuola palestinese di musica

Cena etnica alle 20. Prenotazione obbligatoria al 3474890740, anche con sms. 10 euro.

 

Centro Culturale Baobab

 

Via Cupa, 5

 

06 97848219 - 329 2037420

 

 

Map:

 

 

 


 

 

Related Posts

La maestra margherita maestra dormigliona

14/10/2012

margh_110Sarà il Granteatrino Casa di Pulcinella con la sua ultima produzione La maestra Margherita maestra dormigliona a inaugurare domenica 28 ottobre, alle ore 17, 30 la stagione di teatro ragazzi 2012-2013 promossa da Astràgali al Teatro Paisiello, in collaborazione con l’Amministrazione Comunale di Lecce.

Dietro le quinte del terrorismo islamico. Incontro con lo scrittore marocchino Mahi Binebine

30/04/2016

salto 110Roma, 17 maggio 2016 – ore 18.30 / Cowall – via Libetta 15/c

La notte del 16 maggio 2003 Casablanca, la città più moderna e vivace del Marocco, è lacerata da 14 attentati suicidi di matrice islamica che fanno 45 morti e un centinaio di feriti. Un’esplosione di violenza a sorpresa, che lascia il paese annichilito e mostra un volto nuovo e insospettato della società marocchina.

Fuggire | Migrare | Sopravvivere: storie di arrivi e passaggi verso l’Europa

08/01/2014

palazzo 110Fotografie, proiezioni e un incontro a più voci per raccontare la storia di chi si è messo in viaggio, oltrepassando barriere e confini, per raggiungere la Fortezza Europa.