La storia del femminismo gitano in Spagna

fem git 350Il femminismo si può studiare e diventa ancora più interessante se riguarda comunità meno conosciute, come quelle delle donne gitane. Con questo obiettivo il Centro di Formazione sociale AEGI di Melilla ha organizzato un corso online dal titolo: “Femminismo gitano, storia, organizzazione e lotta contro gli stereotipi”.

Il corso si propone di effettuare un approccio globale al femminismo gitano, tenendo conto dei suoi principali elementi e per fornire una guida per continuare a lavorare sui suoi principi e lotte.

Si tratta del primo corso online realizzato su questo argomento in Spagna. La speranza, spiegano gli organizzatori, è riuscire a lanciare una riflessione sulle donne rom, molto poco presenti nei media e nel dibattito pubblico se non attraverso casi di attualità spesso criminalizzanti. Per rompere questi stereotipi, il corso si snoda alternando lo studio della storia basato su materiali teorici con le testimonianze di operatori e membri delle comunità impegnate a migliorare la condizione femminile. L'emancipazione nel mondo gitano è arrivata alla terza generazione e durante il corso verranno messi in evidenza i punti sulla quale si articola partendo da alcune questioni: contro cosa combatte il femminismo gitano? In quali casi si esprime?

 

 

Il corso si svolgerà dal primo al 30 giugno.

 

Info e iscrizioni:

fem git 200 lg

 

 

 


 

 

 

 

 

 

 

Related Posts

Forum 2010 Anna Lindh, Barcellona

02/03/2010

Forum 2010 Anna Lindh,  BarcellonaLa Fondazione euro-mediterranea Anna Lindh per il Dialogo tra le Culture organizza il Forum Anna Lindh dal 4 al 7 marzo 2010.

Festival el Ojo cojo

27/09/2013

esp fest 110

Donne, migrazioni, dialogo interculturale, esclusione, diversità, integrazione. Questi i temi chiave del Festival Internacional Cinematográfico el Ojo cojo che si terrà a Madrid dal 5 al 13 ottobre.

 

Radio faro océano (cajas y collages)

17/10/2013

La mostra riunisce una serie di collages e assemblaggi fatti durante l'ultimo anno.

L'autore dice in proposito: "L'eterogenea materia prima di questi artefatti proviene, da un lato, da i tanti contenitori di rifiuti che si vedono nelle strade e, da un'altra, da quel Gran Circo del Caso (le Hasard in francese) che è il Rastro (il Porta Portese, per capirci) di Madrid.