Rom e sinti sfilano a Bologna contro le discriminazioni

bolo rom 545

Il 16 maggio si è tenuta la prima manifestazione nazionale in difesa dei diritti negati di queste comunità, vittime di un clima di crescente intolleranza nel Paese. L’evento ha riunito centinaia di persone ed è stato organizzato nell’anniversario della rivolta che 6mila di loro fecero contro gli ufficiali delle SS nel campo di sterminio di Auschwitz-Birkenau, nel 1944.

Molti sfilavano tenendo in mano cartelli con su scritti gli articoli della Costituzione o striscioni per reclamare diritti e slogan contro le discriminazioni subite in Italia.

"Noi siamo italiani e allo stesso tempo abbiamo anche una nostra cultura, e quello che mi piacerebbe è che tutte le persone imparassero a conoscerci e rispettarci”, ha spiegato Davide Casadio, mediatore culturale che ha proposto Bologna come capitale europea della cultura rom e sinti lanciando l’idea di creare in città un museo che racconti la loro storia.

A sfilare in difesa dei diritti di rom e sinti anche il senatore del Partito Democratico Luigi Manconi: "Ho scelto di essere a Bologna perché è in gioco la qualità della nostra democrazia – ha detto – la manifestazione di sabato pone un tema importante che è quello del rispetto e della tutela di tutte le minoranze".

"L'intenzione della manifestazione è rivendicare il rispetto dei diritti sanciti dalla Costituzione – ha concluso Casadio – chiediamo alle istituzioni di avviare un percorso d'integrazione che parta dalla chiusura dei campi fino alla creazione di micro aree attrezzate dove inserire i diversi nuclei familiari. In più sarebbe utile creare dei percorsi di sostegno per l’affitto in modo da aiutare chi non ha lavoro a trovare una casa". Un'opzione, questa, che la regione Emilia-Romagna sta provando a portare avanti.

 


 

 

 

 

 

 

 

 

Related Posts

Rogo Rom a Roma

11/05/2017

Centocelle-110Regolamento di conti o violenza xenofoba? La domanda è aperta. Certo è che l’incendio che ha distrutto il camper in cui dormiva una famiglia Rom, genitori e 11 figli, nel parcheggio del centro commerciale Primavera a Centocelle, popoloso quartiere romano, è stato doloso. Le telecamere di sicurezza hanno inquadrato un uomo che lancia una bottiglia incendiaria contro il veicolo. Così nella notte tra il 9 e il 10 maggio hanno perso la vita una ragazza di 20 anni e due bimbe di 8 e 4 anni, Francesca, Angelica e Elisabeth Halinovic.

Prima parliamo dell’amore

25/11/2016

Legendaria2-110«Non partiamo mai dalla violenza con le donne che vengono a chiedere aiuto. Hanno vissuto all’interno di una relazione violenta ma hanno costruito con quell’uomo una storia, un progetto di vita, lo hanno amato, sono state amate. Il percorso con loro parte da lì». Intervista di Silvia Neonato a due operatrici di Be Free. Articolo pubblicato nel n.120/2016 di leggendaria dedicato alla violenza sulle donne. Leggendaria n.120/2016

1. Lampedusa finibus terrae

08/08/2013

1lampe_110Da anni sulle rotte dei barconi che tentano di raggiungere l’Europa via mare, l’isola si è riscoperta terra di frontiera, labile confine tra due mondi in un Mediterraneo agitato da forti venti di cambiamento. Il dossier di Babelmed.