Una biblioteca vivente contro la Romfobia

vivente 330Venerdì 12 giugno dalle 16,30 alla 19,00 alla Biblioteca Mameli del Pigneto ABCittà in collaborazione con Associazione 21 luglio e Servizio Intercultura delle Biblioteche di Roma propone un incontro dedicato alla decostruzione degli stereotipi e dei pregiudizi contro i gruppi romanès. Una decina di “libri umani” affronteranno diverse tematiche spesso usate in modo strumentale per stigmatizzare ed emarginare Rom e Sinti nel nostro Paese: la scolarizzazione dei bambini, il livello di integrazione con la società maggioritaria, la vita nei “campi”, l’accesso al mondo del lavoro, la struttura della famiglia…

Secondo l’opinione di gran parte degli italiani, suggestionata dalla propaganda razzista e populista di alcuni politici e dalle rappresentazioni distorte fornite da molti organi di stampa, “ i Rom sono ladri, sono sporchi, sono troppi, sono una minaccia sociale, rubano i bambini, sono tutti rumeni, vivono nelle roulotte e hanno la Mercedes, non vogliono vivere nelle case…”. Coinvolgendo un gruppo di donne e uomini di cultura romanì, l’esperienza della Biblioteca Vivente intende affrontare e superare questi e altri pericolosi stereotipi, provando ad andare al di là anche della visione esotica e buonista che li dipinge tutti come uomini liberi e “figli del vento”.

Né l’una né l’altra immagine corrisponde, infatti, alla realtà, e a spiegarlo saranno loro stessi, cui troppo spesso non è consentito esprimersi e difendersi in prima persona in contesti pubblici più “ufficiali”.

Il percorso della Biblioteca Vivente, avviato a Roma nel gennaio 2015, è parte del progetto SarSan 2.0 e ha già formato una ventina di “facilitatori”.

 

Ingresso libero.

 

Biblioteca Goffredo Mameli

via del Pigneto, 22

tel. 06 45460541

Servizio Intercultura

tel. 06 45460313-4

info@romamultietnica.it

www.romamultietnica.it

 


 

 

Related Posts