Europa e libertà dei media

free media 300Alla presenza del presidente del Parlamento europeo Martin Schultz, è stato inaugurato lo European Center for Press and Media Freedom. Cooperativa pan-europea con sede a Lipsia, il centro dedicato alla libertà di stampa e dei media è co-promosso, assieme a numerosi soggetti europei, da Osservatorio Balcani e Caucaso. La città di Lipsia ha avuto un ruolo importante nel crollo del muro. Il 9 ottobre del 1989, nella capitale della Sassonia scesero in piazza 70mila cittadini: paralizzando l'apparato repressivo, manifestarono chiedendo il rispetto delle libertà civili e in particolare la libertà di stampa. Lipsia ora è divenuta sede dello European Center for Press and Media Freedom, un centro che si occuperà della libertà dei media e della stampa in Europa.

L’Osservatorio Balcani e Caucaso ha posto i primi mattoni per la nascita di questa importante iniziativa – avviata dalla Media Foundation Sparkasse Leipzig – lo scorso 24 giugno con la creazione di una cooperativa europea, di cui per ora fanno parte venti soggetti fondatori – tra cui appunto OBC – provenienti da quindici Paesi diversi. Tra loro, testate giornalistiche, centri di ricerca, associazioni di giornalisti e sindacali, Ong e altre istituzioni impegnate nel campo della libertà dei media. Tra i componenti degli organi di governo del nuovo centro molti i nomi prestigiosi, come Mogens Blicher Bjørregaard, presidente della European Federation of Journalists con oltre 320 mila iscritti in tutta Europa, e il giornalista investigativo bosniaco Esad Hećimović.

“In Europa, giornalisti ed operatori dell'informazione subiscono quotidianamente minacce, censure, intimidazioni o attacchi mirati a impedire loro di svolgere il proprio lavoro e assicurare ai cittadini il diritto all'informazione” sottolinea Luisa Chiodi, direttrice di Osservatorio “ma senza libera informazione viene gravemente ostacolato il funzionamento delle nostre società democratiche. E' per questo che OBC è costantemente impegnato su tale tema e ora partecipa da protagonista a questa vasta e ambiziosa rete europea”. Dal World Press Freedom Index 2015, redatto da Reporter Senza Frontiere, emerge una drammatica regressione della libertà di stampa nel mondo, con un peggioramento sensibile nei paesi dell'Ue e del sud-est europeo, senza dimenticare le gravissime condizioni di chi si trova ad operare in contesti di aperto conflitto come nel caso dell'Ucraina. Le attività dello European Center for Press and Media Freedom - che prevedono il monitoraggio delle violazioni, misure di assistenza e solidarietà a giornalisti minacciati e un costante lavoro di informazione e sensibilizzazione dell'opinione pubblica e dei policy maker - intendono contribuire ad invertire questa tendenza.

 


 Osservatorio-Balcani-e-Caucaso

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Related Posts

Il sodalizio Berlusconi-Gheddafi

28/02/2011

Il sodalizio Berlusconi-Gheddafi L’accordo di cooperazione del 2009, prevedeva diversi impegni, tra cui «progetti infrastrutturali di base». Da anni la Libia gestisce i flussi migratori nel nome dei paesi europei. Migliaia le persone finite nelle carceri libiche, sottoposte a trattamenti inumani o degradanti.

Relazioni strette tra l'ISIS e la Turchia

04/10/2014

isis 110Il governo di Ankara nega di sostenere lo Stato islamico mentre il Parlamento turco dà il via libera alla mozione del governo per l’invio di truppe in Iraq e Siria per fronteggiare l’Isis e “ogni formazione terrorista”. Ma emergono testimonianze sulle attività organizzative dell'ISIS in Turchia dove il Califfo fa sempre più proseliti tra i giovani e i più poveri.

I soliti zingari

24/03/2015

rom 25x25soliti0 110Benché infondati e frutto di ignoranza e dicerie popolari, i pregiudizi e gli stereotipi contro i popoli romanès sono molto numerosi e ancora fortemente radicati in Italia. Giornalisti e politici contribuiscono spesso ad alimentarli, trasformando Rom e Sinti nei perfetti “capri espiatori” su cui indirizzare la rabbia e la frustrazione dell’opinione pubblica distogliendola dai disagi causati dal malgoverno e dalla crisi. Il reportage di Babelmed.