“Gitanas feministas”

diversdas 350L'obiettivo suona come una sfida: “creare un reale movimento sociale di classe, che sia in grado di raggiungere donne e uomini gitani per risvegliare lo spirito critico nei confronti del nostro popolo/comunità”. È da questo assunto che hanno iniziato il loro percorso le fondatrici in Spagna dell'associazione Gitanas Feministas Por la Diversidad. Un'idea partita da un gruppo di nove donne due anni fa dopo aver constatato nel panorama delle comunità gitane “l'assenza assoluta di un movimento partecipativo femminista”. In pochi mesi l'associazione ha cominciato a farsi conoscere e ora ha nuove esponenti a Murcia, Lugo, Valladolid oltre che a Madrid. “Siamo sicure che ci saranno sempre più uomini gitani che si uniranno alla nostra causa, perché questa battaglia è anche la loro”, spiega Carmen, una delle fondatrici dell'associazione. Il gruppo vuole “de-costruire l'immagine poetica e/o distorta di noi gitane. Vogliamo dar libero sfogo a voci gitane femministe, donne capaci di scegliere il proprio destino, la propria storia e identità”. Per questo l'associazione sta organizzando presentazioni del proprio lavoro sul campo in municipi, città e villaggi nel paese. Le donne gitane hanno anche contattato i diversi partiti politici per coinvolgerli nella loro causa anche in vista delle prossime elezioni di novembre. In cantiere c'è la partecipazione al primo congresso femminista romanì a livello internazionale.

 

Pagina Facebook: https://www.facebook.com/pages/Asociaci%C3%B3n-Gitanas-Feministas-por-la-Diversidad/293492244137017?sk=timeline

 


03/07/2015

 

Related Posts

Samudaripen, l' Olocausto gitano dimenticato

03/10/2015

samuda 110Un documentario realizzato dall’associazione spagnola Voces Gitanas racconta le atrocutà vissute dalle popolazioni rom e sinte sotto il nazifascismo quando almeno 500mila persone furono deportate e uccise nei campi di sterminio.

I gitani ancora nel mirino della TV spagnola

03/07/2015

ancla 110L’ennesima serie televisiva prodotta da Mediaset e Globamedia, e trasmessa in prima serata, che veicola i soliti cliché sulla comunità: delinquenza, commercio di droga, baraccopoli, indigenza.

Spagna: la vittoria della cultura di strada

22/09/2010

Spagna: la vittoria della cultura di stradaPer i vicoli dell’Almanjàr, tra i quartieri più malfamati di Granada, due giovani registi girano la versione gitana del telefilm Starsky & Hutch. Intanto, per i barrios i Bacellona, la band Microguagua coinvolge pubblico e passanti con i suoi vivaci ritmi reggae…