Gli Hammam, identità della Medina di Tunisi

Hammam, un patrimonio in pericolo    | babelmed | donne - migrazione - mediterraneo

Hammam, un patrimonio in pericolo

“Regards Posés”, esposizione dedicata agli hammam della Medina di Tunisi: 19 fotografi tunisini ed europei con 114 immagini hanno donato sguardi personali su una ricchezza fragile e preziosa. Sono rimasti solo 26 in attività.

Remmimi, prezioso ma non redditizio | babelmed | donne - migrazione - mediterraneo

Remmimi, prezioso ma non redditizio

Intervista a uno degli eredi di un antico hammam nella Medina di Tunisi, un bene di famiglia che dal XVI° secolo si trasmette di padre in figlio, costruito nel 1245. “Facciamo fatica a coprire le spese. I costi sono aumentati del 30% e non si può aumentare la tariffa di ingresso: per la gente del quartiere sarebbe troppo caro…”

L’hammam e l’identità tunisina | babelmed | donne - migrazione - mediterraneo

L’hammam e l’identità tunisina

Sana Letaief, designer: “Bisogna salvaguardarli, ma la ristrutturazione è molto costosa. Lo Stato partecipi concretamente al restauro, perché si tratta di edifici antichi. L’hammam e tutta la Medina sono la nostra identità: se un popolo non ha identità, non ha valore”.

Tammarine, l’hammam più autentico  | babelmed | donne - migrazione - mediterraneo

Tammarine, l’hammam più autentico

E’ uno dei più belli della Medina con due ingressi e un bel portale antico a Bab Jedid, a pochi metri dalla Kasbah, la piazza principale di Tunisi. Il proprietario Alì Bakir è un uomo d’affari. L’hammam dei suoi avi era un centro di vita sociale, ora pensa a una struttura di alto livello per i turisti.

0 ham 580 

 

 

 

 

Related Posts

Le città di Arco Latino

23/06/2010

Le città di Arco LatinoTorino, Montpellier, Maiorca, Nuoro. Nelle 4 città si sono svolte inchieste giornalistiche per indagare e capire se queste realtà urbane rappresentano nuovi modelli di convivenza, luoghi di sfide e opportunità per differenti culture e identità.

L’operazione “Piombo fuso”

26/01/2009

L’operazione “Piombo fuso”L’operazione “Piombo fuso” si è conclusa. In 23 giorni l’inaudita barbarie ha causato la morte di oltre 1.300 persone, tra cui moltissimi bambini. Nella Striscia di Gaza rimangono cumuli di macerie ancora fumanti e un popolo brutalizzato e abbandonato nella sua disperazione.

Libertà di associazione

02/02/2015

medit3 asso 110

Per i cittadini sono uno strumento importante per condividere uno scopo comune, per esprimere le proprie idee, un’opportunità per la partecipazione politica e sociale. Esiste la libertà di associazione in Egitto, Libia, Marocco, Tunisia? Quattro giornalisti che vivono in quei Paesi ci raccontano una realtà complessa.