I sinti di Prato accolgono i profughi

sinti prato 545

In tutta Europa, e anche in Italia, sono sempre più frequenti gli episodi di solidarietà “dal basso”, in cui comuni cittadini decidono di organizzarsi tra loro, o di agire individualmente, per accogliere i migranti e aiutarli, facendo quello che politici e governi dovrebbero fare ma non fanno.

Queste esperienze non fanno notizia, non finiscono in prima pagina né aprono i telegiornali, ma restituiscono un senso all’idea di Europa come terra di accoglienza e di inclusione.

//Ernesto GrandiniLa comunità Sinti di Prato, sensibile alle drammatiche condizioni in cui vivono ormai da settimane centinaia di persone sbarcate sulle coste italiane o arrivate via terra, ha deciso di mobilitarsi per accogliere i profughi. La notizia arriva direttamente da Ernesto Grandini, presidente della comunità rom e sinti della città toscana e membro del coordinamento di Left Lab. “Stiamo assistendo da mesi a un dibattito drammatico sul tema dell’immigrazione – scrive – Come ogni estate riemerge prepotentemente e sempre con più forza l’emergenza profughi. Abbiamo sempre reclamato maggiori diritti per le minoranze, non solo per le nostre, ci siamo sempre battuti per l’eguaglianza, per il contrasto alla xenofobia e per il diritto ad una vita dignitosa per tutti. Come cittadini italiani e pratesi (perché questo siamo), come europei e come sinti, non possiamo continuare a guardare con indifferenza tutto quello che sta accadendo. La mia comunità è quindi disponibile ad accogliere i profughi, nella misura in cui può essere per noi sostenibile e per loro dignitosa”.


04/09/2015

 

 

 

 

 

 

 

Related Posts

L'Europa, il naso nel burqa

16/10/2009

L'Europa,  il naso nel burqaIn materia di velo integrale, la Francia non ha certo la legislazione più repressiva d'Europa. Se in Norvegia e Gran Bretagna il burqa sembra far parte dell'identità del paese, in numerose regioni del Belgio e del Lussemburgo è proibito “fuori del periodo di carnevale”.

Se non le donne, chi? L’11 dicembre di nuovo in piazza

10/12/2011

Se non le donne,  chi? L’11 dicembre di nuovo in piazzaDopo l’evento del 13 febbraio il movimento Se non ora quando? chiama le donne in molte città d’Italia, da Roma a Torino, a manifestare per contare sulla scena sociale e politica contro l’attuale crisi politica, istituzionale, morale del Paese

MUZZIKA! Giugno 2008

05/02/2009

MUZZIKA! Giugno 2008Il nostro colpo di fulmine va alla rivelazione flamenca di questi ultimi anni: Buika.