Una fabbrica per dar lavoro ai rom in Turchia

konf 250La Roma Confederation of Turkey ha annunciato l’avvio di una fabbrica tessile che assumerà i rom che vivono nella provincia nordorientale di Kocaeli.

Il Presidente della confederazione, Ahmet Çokyaşar, ha spiegato che il progetto mira a ridurre l’alto tasso di disoccupazione registrato tra le comunità romanès presenti nel Paese.

L’iniziativa è supportata dal Ministero dello Sviluppo, dalla Eastern Marmara Development Agency e dalla Kocaeli Roma People Associations’ Federation. 
 

“Stiamo lavorando per creare una fabbrica tessile nella quale saranno creati 150-200 nuovi posti di lavoro per i rom a Kocaeli. Vogliamo aiutare queste persone ad avere una collocazione più prestigiosa all’interno della società e professioni diverse da quelle di stagnai, cestai e fabbri. Con il sostegno del Ministero dello Sviluppo apriremo nuovi orizzonti e attingeremo anche dalle nostre fonti. La costruzione della struttura costerà circa 2,5 milioni di lire turche, di cui una parte è già assicurata. I prodotti che saranno realizzati al suo interno potranno essere anche messi in commercio dai rom”, ha spiegato.

Affermando che uno dei principali problemi dei rom è la disoccupazione, il Presidente della confederazione ha aggiunto che il progetto intende cercare nuove soluzioni a questo.


 

 30/09/2015

 

 

 

 

 

Related Posts

Turchia, in vacanza con la benedizione di Allah

20/08/2009

Turchia,  in vacanza con la benedizione di AllahIn crescita il fenomeno noto come “haremlik-salamlik”, strutture ricettive dove si rispetta la tradizione islamica, con la separazione dei sessi e la totale assenza di bevande alcoliche.

I mille volti di Istanbul

14/09/2008

I mille volti di IstanbulLa prima impressione che il visitatore riceve una volta giunto nel centro storico di questa città dalla storia plurimillenaria, non è di quelle scontate: gli sembra di trovarsi in una sorta di “Germania con le moschee”.

Turchia, alla sbarra tornano scrittori e giornalisti

23/06/2009

Turchia,  alla sbarra tornano scrittori e giornalistiIl premio Nobel Orhan Pamuk dovrà risarcire tutti quelli che si sono sentiti diffamati dai suoi commenti. Il reporter Nedim Sener rischia 28 anni di carcere.