Una fabbrica per dar lavoro ai rom in Turchia

konf 250La Roma Confederation of Turkey ha annunciato l’avvio di una fabbrica tessile che assumerà i rom che vivono nella provincia nordorientale di Kocaeli.

Il Presidente della confederazione, Ahmet Çokyaşar, ha spiegato che il progetto mira a ridurre l’alto tasso di disoccupazione registrato tra le comunità romanès presenti nel Paese.

L’iniziativa è supportata dal Ministero dello Sviluppo, dalla Eastern Marmara Development Agency e dalla Kocaeli Roma People Associations’ Federation. 
 

“Stiamo lavorando per creare una fabbrica tessile nella quale saranno creati 150-200 nuovi posti di lavoro per i rom a Kocaeli. Vogliamo aiutare queste persone ad avere una collocazione più prestigiosa all’interno della società e professioni diverse da quelle di stagnai, cestai e fabbri. Con il sostegno del Ministero dello Sviluppo apriremo nuovi orizzonti e attingeremo anche dalle nostre fonti. La costruzione della struttura costerà circa 2,5 milioni di lire turche, di cui una parte è già assicurata. I prodotti che saranno realizzati al suo interno potranno essere anche messi in commercio dai rom”, ha spiegato.

Affermando che uno dei principali problemi dei rom è la disoccupazione, il Presidente della confederazione ha aggiunto che il progetto intende cercare nuove soluzioni a questo.


 

 30/09/2015

 

 

 

 

 

Related Posts

Impresa tessile senza capi rivoluziona le norme di genere in Turchia

17/11/2016

Özgür Kazova: l’usine textile sans patrons qui révolutionne les normes de genre en Turquie | babelmed | femme - migration - méditerranéeDalle ceneri di una impresa tessile fallita, dopo che il personale non era stato pagato per mesi, sta nascendo una nuova fabbrica gestita collettivamente, senza capi e dirigenti. Dopo anni di battaglie con i precedenti proprietari, e anche tra i lavoratori, la Özgür Kazova lotta per dar vita a un nuovo modello di impiego, in cui il lavoro di uomini e donne è valutato alla pari. Mashallah News

Da Tahrir a Taksim, la rivolta delle strade rimbalza su Twitter

05/06/2013

tak_twi_110ter

Erdogan possiede su Facebook oltre 2 milioni di fan mentre il suo account Twitter ha più di 2, 7 milioni di follower. Ma non ha saputo sfruttare l’enorme bacino d’utenza per comunicare con il popolo di #OccupyGezi che intanto investiva strade, piazze e quartieri di mezza Turchia.

Turchia, il popolo di Taksim si guarda allo specchio

12/06/2013

obc_gezi_110Gruppi della sinistra rivoluzionaria, sindacati, Ong, attori, nazionalisti, tifosi, musulmani anti-capitalisti, anarchici. Le manifestazioni dei giorni scorsi in Turchia hanno portato in piazza un caleidoscopio di voci diverse. La nostra corrispondente è andata a piazza Taksim, epicentro della proteste, per fare un ritratto del "popolo di Occupy Gezi".