Dubioza Kolektiv, band voce critica della Bosnia

//Dubioza kolektiv "No Escape (from Balkan)"

Dubioza Kolektiv è il gruppo musicale più noto di origine bosniaca, fondato nel 2003 a Sarajevo. La loro musica è un mix tra suoni reggae, ska, dub, rock, a cui si aggiungono i motivi della musica balcanica. I loro brani trasmettono messaggi di pace, tolleranza, speranza, libertà... Nel 2010 la band si è esibita nelle maggiori città bosniache per sensibilizzare i giovani ad assumere un ruolo attivo durante le elezioni, dopo di che il magazine Time e BBC hanno riconosciuto la band come la più forte e legittima voce della Bosnia. Questa band si è anche affermata in occidente, dove ogni anno si esibisce nei diversi festival. Oggi, Dubioza Kolektiv è la voce critica della società ed una tra lemigliori band rappresentanti della musica alternativa dei Balcani e dell'est Europa.

 

Attualmente siete in tour europeo. Qual è il segreto del vostro successo?

Da diversi anni suoniamo nei festival e nei locali di gran parte dei paesi europei. Non ci sono segreti particolari, ti metti al volante, fai il pieno, premi il pedale dell‘acceleratore e conti i chilometri.

 

Pensate che il pubblico dei vari paesi dove vi siete esibiti finora capisca abbastanza il messaggio delle vostre canzoni?

Negli ultimi anni ci siamo esibiti in varie parti del mondo. Ci siamo resi conto che parole come  "democrazia", "recessione" o "corruzione" sono termini molto più universali e più facili da comunicare rispetto a parole come "amore", "umanità", "tolleranza". Abbiamo notato che quasi tutti i paesi del mondo hanno gli stessi problemi, quindi il nostro pubblico capisce molto bene i temi che affrontiamo, anche quando lo facciamo nella nostra lingua madre.

 

dubioza 350Come scegliete le canzoni da suonare ad un concerto? E 'essenziale la similarità dei problemi di una nazione con i problemi locali di cui parlate nei vostri testi?

 

Vogliamo che i nostri concerti siano innanzitutto energici. Siamo molto attenti all'ordine delle canzoni in riferimento alla lingua nella quale cantiamo. Di solito il giorno prima di esibirci cerchiamo ed impariamo una canzone del luogo in cui suoniamo e la interpretiamo alla fine del concerto.

 

Questa estate vi siete esibiti nei diversi festival in Italia. Come ha reagito il pubblico italiano?

Da diversi anni suoniamo in Italia e finora la reazione è stata sempre positiva. Il temperamento italiano è molto simile a quello balcanico e per questo c’è sempre un buon scambio. Inoltre, cerchiamo di imparare qualche parola in italiano in modo da comunicare con il pubblico.

 

Nei vostri testi c'è un forte denuncia dei problemi sociali a livello locale e globale. Avete mai avuto problemi per il vostro impegno sociale e per il vostro atteggiamento critico?

 Abbiamo dovuto gestire un paio di situazioni principalmente di carattere locale, come quando un politico ha vietato il nostro concerto nel festival della città perché aveva paura che la nostra esibizione avrebbe potuto influire sulle future elezioni. Qualche giorno dopo abbiamo organizzato un concerto gratuito, passando il messaggio che è impossibile vietare l'esibizione di un gruppo musicale. L'evento è stato seguito da tanti media, con il risultato che il politico ha perso le elezioni ed è scomparso dalla scena politica.

 

A chi è dedicato il brano "“No escape from Balkan"?   

 In questo brano giochiamo con gli stereotipi sui Balcani profondamente diffusi in Europa, ma, nello stesso tempo, con la percezione distorta di noi stessi. I Balcani, come tutti i peasi, hanno i lati buoni e lati cattivi. Noi siamo quello che siamo, abbiamo semplicemente bisogno di trovare il nostro posto nel mondo.

 

dubioza 350bisQuale è la vostra opinione riguardo all'adesione dei paesi candidati nell'Unione europea?

Il recinto di filo spinato di Orban, i lacrimogeni lanciati contro i profughi, la storia di Angela Merkel per il crollo del multiculturalismo, il modo in cui Bruxelles ha brutalmente punito il governo di Tsipras per aver cercato di scegliere un modo diverso per uscire dalla crisi, sono solo alcuni esempi che l'Unione Europea non è più (se mai lo è stata) Disneyland, come la vedono i paesi candidati. L'Unione Europea è una buona idea, che da qualche parte ha perso la bussola. Per ora, la previsione più ottimistica per l'adesione della Bosnia nell'Unione Europea è nel 2025. Altrettanto elevata è la probabilità che l’uomo atterrerà su Marte.

 

Qual è la vostra posizione in merito alla questione attuale dei migranti che arrivano in Europa?

Aiutare le persone che fuggono dalla guerra o dalla povertà dovrebbe essere una cosa indiscutibile. E’ vergognoso che l'establishment politico usi queste persone per raccogliere i voti per le prossime elezioni. Sono le persone semplici che ora stanno difendendo l'onore dell'Europa. Migliaia di volontari per settimane raccolgono e distribuiscono aiuti ai rifugiati e in questo modo si nasconde l’incompetenza del governo locale. Queste persone, che prendono dal proprio stipendio e investono il loro tempo per aiutare i rifugiati, rappresentano l’unica Europa alla quale vale la pena di appartenere.

 

Quali sono le reazioni dei politici locali quando si tratta di migranti? Pensate che  la Bosnia-Herzegovina, nonostante al momento non siano particolarmente toccate dal problema, sia pronta a fornire assistenza concreta alle persone in fuga dalle guerre?

Anche i rifugiati sono abbastanza intelligenti da non cercare rifugio in Bosnia, dove li aspettano problemi simili a quelli che hanno lasciato a casa loro. I politici danno dichiarazioni del tutto a caso che cambiano di giorno in giorno. Un giorno spaventano il popolo con " il flusso di rifugiati" che sono pronti a deportare immediatamente. Il giorno dopo parlano di come prepararsi per l'accoglienza dei profughi. Molto probabilmente stanno cercando di trovare un modo per incassare aiuti dall'Unione Europea per le spese di assistenza ai rifugiati, aiuti che poi finiranno nelle loro tasche.

 

Il fatto che il vostro album si possa scaricare gratuitamente da Internet è un'altra forma di solidarietà con il pubblico o una trovata pubblicitaria?

Né l'uno né l'altro. Scaricare gratuitamente il nostro album è il modo migliore e più veloce per comunicare direttamente con le persone che sono interessate ad ascoltare la nostra musica. In questo modo evitiamo il business dell'editoria musicale, dove una casa discografica si appropria della tua musica, incide migliaia di CD e cerca di convincere qualcuno a comprarla. Il nostro modo di proporre musica è più veloce, più diretto, ed eco-friendly.

 

In che linga sarà il vostro nuovo album?

I brani del nos tro nuovo album, “Happy machine”, saranno in inglese, spagnolo, italiano e in lingua urdu.

 

Qual è il vostro messaggio e quali sono i temi sociali che tratterete nel nuovo album?

La maggior parte dei brani parlano dei vari aspetti della libertà del movimento, della parola, di scambio di informazioni e conoscenze su Internet fino alla libertà più generale. Questo non era qualcosa che abbiamo programmato in anticipo, ma probabilmente descrive meglio ciò che ci preoccupa in questo momento.

//Dubioza kolektiv "U.S.A." OFFICIAL HQ (lyrics)  


Tatjana Đorđević

12/10/2015

 

 

 

 

 

 

 

Related Posts

L'arte della resistenza

12/07/2013

sar_art_110A Sarajevo esiste un luogo unico per l'arte contemporanea, che nonostante tutto tiene duro. Creata da un francese, la galleria d'arte Duplex mette in mostra il lavoro di una generazione che guarda in faccia il passato.

La Bosnia felice secondo Danis Tanovic

24/09/2010

La Bosnia felice secondo Danis Tanovic L’autore pluripremiato, noto per “No Man's Land”. Nel suo ultimo film “Cirkus Colombia” presentato a Venezia vi sono tutti gli ingredienti di un’imminente lacerazione “fratricida” di un intero paese.

Sarajevo, my love!

16/09/2016

sarajevo-my-love-110“Sarajevo, my love” è il documentario della giornalista turca Eylem Kaftan, in lingua inglese, che traccia un profilo di Jovan Divljak, generale dell'esercito serbo che scelse di schierarsi al fianco delle vittime bosniache, per raccontare il doloroso processo di recupero dal dramma della guerra che ancora scuote la Bosnia.