Romfobia 2.0

romfobia1Fenomeni diventati ormai virali tra gli iscritti a Facebook in Italia, le pagine “Albano e Rumena Power”, in riferimento alla coppia di cantanti molto famosa negli anni Ottanta, e “Il Zingaro” hanno in pochi mesi già superato rispettivamente i 25mila e i 93mila “like”.

Pur gestite autonomamente, hanno un taglio molto simile, fatto di insulti e accuse infarcite dei soliti stereotipi e pregiudizi contro rumeni e rom.

Dal furto alla prostituzione, dal commercio illegale di rame e metalli alle condizioni di degrado e violenza, il mondo descritto nei loro numerosissimi “post” non fa che rafforzare la ben nota immagine che questi gruppi hanno agli occhi di molti italiani.

Gli accaniti lettori reagiscono alle pubblicazioni, quasi quotidiane, commentando con lo stesso tono. Sotto il post de “Il Zingaro” in cui viene lanciata una versione rom del Monopoli, “Zingaropoli”, un “Nuovo gioco che andrà a ruba”, un utente scrive “Le stazioni dei treni sono fallite a forza di furti di rame lungo la linea ferroviaria”.

romfobia2

 

 

In un altro post, ironizzando sull’amore, leggiamo: “Se te apre portiera de machina è amore, opure uno zingaro”, scimmiottando l’italiano approssimativo parlato da alcuni cittadini provenienti dall’est Europa. Lo stesso linguaggio è usato nei titoli dei falsi giornali pubblicati sulla pagina “Albano e Rumena Power”, dove le notizie, completamente inventate, si accompagnano a fotografie spesso oscene e dai riferimenti espliciti e volgari.

 

romfobia3

 

Sulla copertina di “Dona Moderna”, per esempio, oltre a pubblicizzare il nuovo album dei finti cantautori, si ironizza sul commercio di organi e sulla violenza sulle donne, oltre a commentare il ritorno in voga della moda “rom-antica”.

 

romfobia4

 

L’“Osservatore Rumeno. Spacca botilia, amaza familia”, invece, dispensa consigli su “buono malocchio” per lanciare anatemi efficaci sugli italiani che “no da spisci a semaforo” mentre il settimanale “Ogi” riporta la notizia di una donna morta mentre “gioca a caccia di tesoro”, incastrata in un secchione della spazzatura.

 

romfobia ogi rote

 

Infine, su “Quatroruota. Giornale pe zingaro che guida ubriaco e ruba i cerchioni”, si pubblicizzano “camper e rulot da sonio” chiedendo ai lettori: melio rubata?... o rubata?


12/10/2015

 

 

 

 

 

 

Related Posts

Mediterraneo, diventare madri tra riti e tradizioni

13/06/2012

neonati_110In Tunisia il neonato viene accolto dal grido delle “yoyou” e viene spesso sacrificato un montone. In Algeria, in Kabilia, la placenta viene sotterrata sotto un fico. Nenie in Marocco per la partoriente. Danza del ventre in Egitto e un po’ in tutto il Medio Oriente per decontrarre i muscoli e facilitare il parto.

Il sodalizio Berlusconi-Gheddafi

28/02/2011

Il sodalizio Berlusconi-Gheddafi L’accordo di cooperazione del 2009, prevedeva diversi impegni, tra cui «progetti infrastrutturali di base». Da anni la Libia gestisce i flussi migratori nel nome dei paesi europei. Migliaia le persone finite nelle carceri libiche, sottoposte a trattamenti inumani o degradanti.

Donne e web nelle rivolte del mondo arabo

14/04/2011

Donne e web nelle rivolte del mondo araboIl femminismo islamico ha una lunga storia alle spalle ma l’Occidente continua ad avere una visione stereotipata delle donne arabe. Il loro nuovo protagonismo nelle piazze e su Internet