In Francia una carta per il rispetto dei diritti e della dignità dei Rom e non solo…

Charte pour le respect des droits et la dignité des occupants de terrain | Charte droits, dignité, non‐discrimination, déscolarisation des enfants, pauvreté

« Questo documento è rivolto all’insieme degli attori pubblici o privati che intervengono in questo contesto, ricordando loro che i diritti degli occupanti terreni devono essere rispettati in ogni circostanza. Sarà inoltre affissa nei luoghi dove queste persone abitano per informarle dei loro diritti.

Il diritto a un alloggio decoroso, all’educazione, alla non discriminazione, a un processo equo sono alcuni dei principi fondamentali che inquadrano, sul piano teorico, l’azione di questi attori. In pratica, questi diritti sono raramente rispettati e le procedure si risolvono troppo spesso nel disprezzo delle leggi nazionali, europee e internazionali che li regolano.

Le conseguenze negative sono numerose: dispersione scolastica dei bambini, mancanza di monitoraggio sanitario, traumi, aumento del numero di persone in vagabondaggio, aggravarsi della povertà. Le organizzazioni ricordano che i poteri pubblici sono tenuti a rispettarli migliorando le condizioni di vita delle persone piuttosto che peggiorarle. È urgente proteggere i diritti fondamentali e, come priorità, quello di non poter essere espulsi senza esser rialloggiati».

 

http://www.romeurope.org/IMG/pdf/charte-a3_francais.pdf

 


 

 

 

 

 

 

 

Related Posts

Dopo Charlie in Francia si autocensurano sull’Islam

09/02/2015

Charlie-cesar 110La cultura cede il passo ed indietreggia, verso evi più bui. Ecco alcuni esempi emblematici. Uno spettro s’aggira per la Francia. Lo spettro dell’autocensura. Spettacoli annullati, poster ritoccati, film rifiutati, installazioni artistiche bruscamente cancellate.

Canti sacri nel Mediterraneo

05/10/2010

Canti sacri nel MediterraneoLa XIX edizione di Canti sacri nel Mediterraneo si terrà dal primo al 24 ottobre in Provenza.

Intervista con Marie-Rose Moro

23/03/2014

atlas1-110biswwPsichiatra, psicoanalista, primario all’ospedale Cochin e all’ospedale Avicenne de Bobigny, Marie-Rose Moro è la principale rappresentante della clinica transculturale in Francia. Secondo lei: “le adolescenti di origine magrebina stanno globalmente meglio dei ragazzi”.