Fatema Mernissi ci ha lasciate, e ora siamo più sole (nel Mediterraneo)

Non è in lutto solo la cultura araba, né solo quella marocchina. Non è in lutto solo la cultura delle donne, il femminismo mediterraneo. È in lutto la cultura libera. Fatema Mernissi ci ha lasciate, oggi *, a 75 anni. Era nata a Fez, nel raffinatissimo Marocco delle città imperiali, nel 1940.

//Particolare dalla copertina di "Harem" - “Una odalisca”, J.A.D.Ingres (1814)

Fatema Mernissi è stata un gigante. Sociologa, studiosa raffinata, era dentro le comunità, e guardava con occhio lucidissimo a ciò che succedeva nella società, nella piazza, nelle strade, nelle famiglie. Apparteneva a una generazione-ponte. Una generazione che aveva vissuto il colonialismo e la lotta contro i colonizzatori, aveva studiato in Marocco, in Europa e negli Stati Uniti. E non aveva mai perso la sua identità marocchina, araba. Non aveva sudditanze, nelle sue analisi, in virtù di quella che era la forza del suo intelletto e della sua cultura. Non aveva neanche paura dei giovani: la sua analisi sulla potenza della Rete, sociale e virtuale, di cui ha parlato in Karawan è la dimostrazione che l’intelligenza si misura sull’apertura e sulla libertà di pensiero.

Per quanto mi riguarda, mi sono innamorata dei suoi voli arditi, della sua ironia, del suo mettere assieme i miti con la contemporaneità. Ha ridato dignità a Shehrazade, ha bacchettato noi donne occidentali incatenate alla taglia 42, ha mostrato come si tratta la questione del velo senza cadere negli stereotipi e negli arroccamenti, ha descritto prima di tutti la grande potenzialità della rete tra i giovani arabi in termini sociologici. È stata una grande donna di cultura, e oggi abbiamo veramente perso un intelletto libero che ci avrebbe aiutato a capire i nostri giorni duri e difficili.


Paola Caridi/Invisiblearabs

 

*) 30 novembre 2015 - Ndr

 

 

 

 

 

 

Related Posts

“La Mecca-Phuket” di Saphia Azzeddine

05/03/2017

Phuket-110Un racconto lungo che cerca di narrare le contraddizioni e il dilemma vissuto da una ragazza di origini marocchine cresciuta in una banlieue povera di Parigi. La protagonista del racconto è la primogenita di una coppia di marocchini arrivati in Francia con tanta voglia di “integrarsi” e vivere come i francesi.

Il divano nella riva sud. Colloquio con Jalil Bennani

17/10/2013

jalii 110Pioniere della psicanalisi in Marocco, Jalil Bennani, psichiatra e psicanalista, scrittore, vincitore del premio “Sigmund Freud della città di Vienna” per l'insieme della sua opera, ci parla del modo in cui le società magrebine, in particolare quella marocchina, si sono lentamente appropriate la teoria freudiana, reinventandola. Oggi, anche se di recente acquisizione, è socialmente ammessa.

Musei in Marocco

11/03/2010