Appello per la libertà di stampa in Turchia

Il giornalista turco Murat Cinar lancia un appello per la libertà di stampa, espressione e pensiero in Turchia e invita tutti i giornalisti che lavorano in Italia a non lasciare soli nella loro battaglia i colleghi detenuti in Turchia.

Nel 2012 Reporter Senza Frontiere definiva la Turchia come il “carcere più grande del mondo per i giornalisti”. Sono passati 4 anni – sottolinea Murat Cinar - ed attualmente nelle carceri si trovano almeno 30 giornalisti. Diversi giornalisti sono in carcere da anni ed aspettano la condanna, alcuni sono in attesa di sentire e capire quali siano le loro colpe ed alcuni invece vengono trattenuti per attendere l’inizio del loro processo. Le condanne richieste in alcuni casi prevedono anche l’ergastolo in condizioni aggravate.

Giornalisti che pubblicano o ripubblicano certi articoli, alcune fotografie, interviste o video, vengono accusati di “incitare la popolazione per provocare una rivolta armata contro il governo centrale”, “istigare e delinquere”, “collaborare con un’organizzazione terroristica” oppure di “appartenere ad un’organizzazione terroristica”. Tutto questo – si legge nell’appello di Murat Cinar - diventa possibile grazie ad una serie di realtà legislative presenti nel codice penale. Questa censura e repressione vengono sostenute anche con l’ausilio del potere amministrativo e di buona parte dei media mainstream. Non mancano umiliazioni pubbliche, offese volgari, accuse senza fondamenti, licenziamenti, violenze fisiche e processi informali seguiti da esecuzioni mediatiche.

Nonostante i diversi appelli lanciati da varie istituzioni in tutto il mondo e da altri singoli e gruppi di giornalisti, la Turchia continua ad essere un paese fortemente difficile e rischioso per la libertà di stampa.


Per chi vuole aderire all’appello e seguire le iniziative:
https://docs.google.com/forms/d/1vI3ZqcONoI87yKtYHCSDdprUNx7SQHekhggMGlUCtyk/viewform?c=0&w=1

http://muratcinar.weebly.com/special---giornalisti-in-turchia.html


 

Related Posts

In Turchia l’isola capitale dello slowlife

14/04/2011

In Turchia l’isola capitale dello slowlife Si chiama Gokceada, che in turco suona come “l’isola del piacere”. Si trova in mezzo alle limpide acque dell’Egeo e applica tutti i 52 articoli dell’International Cittaslow Association: ritmi di vita rilassati, buona cucina e contatto con la natura

Il dio del viaggio

05/08/2015

4 cappa 110Dall’isola di Samotracia al monte Athos il viaggio del Vostok continua lasciandosi alle spalle la penisola Calcidica e puntando verso Alessandropoli.

Sguardi su Istanbul

12/01/2010

Sguardi su Istanbul Si può parlare di Istanbul senza vederla? In occasione dell’uscita dell’ultimo numero di La pensée de Midi, "Istanbul, ville monde", (Istanbul, città mondo) alcuni intellettuali turchi si sono mobilitati per raccontare la loro città.