“Io non sto zitta”

zitta 300bisIn Italia almeno 53 giornaliste, nel 2015, hanno subito minacce, nelle più svariate forme, a causa del loro lavoro. E’ il dato che si ricava dall’Osservatorio di Ossigeno per l’Informazione. Minacce di morte, aggressioni, avvertimenti, lettere minatorie, attacchi hacker, minacce sui social network, insulti, telefonate minatorie, stalking, citazioni in giudizio per danni considerate strumentali.
E c’è una realtà, che i dati non colgono, di minacce tramite web che le colleghe spesso non denunciano.
Un fenomeno globale: secondo un rapporto Osce, il 25% di tutte le minacce alle giornaliste e alle blogger viaggiano in rete, anche sotto forma di commenti ad articoli su temi sensibili. Quasi sempre, poi, quando nel mirino finiscono le giornaliste, le minacce sono anche di carattere sessista.

La Commissione Pari Opportunità della Fnsi dedica a questo tema cruciale per la sicurezza delle giornaliste e la libertà di informazione, una giornata di riflessione, il 7 marzo, con le colleghe vittime di questa forma di violenza, alcune sotto protezione delle forze dell’ordine,  e con Rosi Bindi,  presidente della Commissione parlamentare Antimafia, che sui rapporti tra mafia e informazione ha condotto un’inchiesta conclusa nel luglio scorso.

zitta 300Parteciperà ai lavori anche Ceyda Karan, giornalista turca di Cumhuriyet, sotto processo a Istanbul per avere pubblicato la copertina di Charlie Hebdo, dopo il massacro di Parigi. Con lei, parleremo dei tanti casi di giornaliste coraggiose che dall’Egitto, alla Cina,  all’Ucraina sono detenute in modo arbitrario, e delle tre colleghe nigeriane, sequestrate, di cui non si sa più nulla.  Storie che si aggiungono alle troppe giornaliste uccise nelle aree più pericolose del mondo. Perché si faccia informazione e si avviino campagne di sensibilizzazione dell’opinione pubblica e delle istituzioni.   
Un’attenzione che vuole essere costante, attraverso due progetti della Cpo Fnsi: un Osservatorio di genere, e uno Sportello on line contro le discriminazioni e le molestie sul lavoro, con una mail protetta per le segnalazioni.

Nell’occasione sarà anche presentata la video campagna di sensibilizzazione realizzata pro bono da Conversion.

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Related Posts

MUZZIKA ! Gennaio 2016

28/01/2016

MUZZIKA ! Janvier 2016 | babelmed | culture méditerranéenneCominciamo l'anno in bellezza insieme ai nostri cugini canadesi, o più precisamente del Quebec. Colpo di fulmine per la jazzwoman canadese Terez Montcalm, che reinterpreta alcuni bellissimi classici della canzone francese. La portoghese Ana Moura ritorna con la sua bella voce, voce grave perfetta per il fado, ma non solo. Angelique Ionatos canta l'ottimismo indefettibile dei greci – dei mediterranei? - di fronte ad ..

Migrant Film Festival “On the road”, Slovenia

18/04/2011

Migrant Film Festival “On the road”,  Slovenia Slovene Philanthropy e Zavod Voluntariat propongono un bando per film e video per la seconda edizione del Migrant Film Festival “On the Road”

MUZZIKA ! Febbraio 2014

18/02/2014

mk 0 feb14Questo mese, la cantante turca Cigdem Aslam ridà vita al rebetiko greco-turco degli anni '20 e '30. La spagnola Maria Berasarte ci regala alcuni fado cantati nella sua lingua e nel suo stile essenziale e intenso. Il libanese Ibrahim Maalouf esplora i territori che...