Mediterraneo in Traduzione

Summer School di traduzione

Fusp – Fondazione Universitaria San Pellegrino, SSML di Vicenza e Mesogea

MiT 545


Messina – Parco Letterario Horcynus Orca
11–16 luglio 2016

Comitato scientifico: Stefano Arduini, Elisabetta Bartuli, Mariarosa Bricchi, Yasmina Melaouah, Caterina Pastura, Giuliana Schiavi.

Mediterraneo in Traduzione è una scuola estiva di traduzione dalle lingue del Mediterraneo, che si tiene in uno dei luoghi più belli e carichi di storia della costa siciliana: capo Peloro, presso Messina, affacciato sul mare che gli antichi credevano abitato da Scilla e Cariddi.

Sotto lo sguardo dei mostri marini che incarnavano, nell’immaginario mitico, la difficoltà e insieme la sfida di oltrepassare i confini, per navigare in mari sempre nuovi, si parlano quest’anno quattro lingue che rappresentano in profondo l’identità mediterranea: francese, arabo, ebraico e turco. E altre lingue seguiranno nelle prossime edizioni: greco, serbo, sloveno, albanese e spagnolo.

I laboratori di traduzione sono rivolti a chi – già in possesso di un’ottima conoscenza delle lingue di lavoro – voglia conoscere o approfondire questioni e implicazioni legate al passaggio (culturale, linguistico, grammaticale) di queste lingue in italiano.

I laboratori affronteranno un tema comune declinato in testi proposti dalle workshop leader – Elisabetta Bartuli per l’arabo, Yasmina Melaouah per il francese maghrebino, Alessandra Shomroni per l’ebraico e Şemsa Gezgin per il turco. Le traduzioni eseguite dagli studenti con la supervisione delle workshop leader saranno alla fine riunite in una pubblicazione a cura della casa editrice Mesogea.

Il lavoro sui testi sarà integrato da due seminari dedicati ad argomenti spesso trascurati nella formazione dei traduttori, ma essenziali per il loro bagaglio culturale e professionale: un seminario sulla revisione tenuto da Giovanna Scocchera ; e un seminario di grammatica (italiana!) per traduttori tenuto da Mariarosa Bricchi.

Il testo oggetto del laboratorio sarà inviato una ventina di giorni prima dell’inizio della Scuola e i partecipanti non dovranno tradurlo individualmente, ma leggerlo in maniera molto approfondita e condurre le eventuali ricerche lessicali o documentali che permettano la massima comprensione possibile del testo. In sede di laboratorio poi si imposterà e si farà la traduzione sotto la guida della workshop leader.  I laboratori di traduzione saranno integrati da docenti “itineranti” per consigli sulla redazione, revisione, lettura finale ecc.

 


 

Iscrizione: i laboratori di traduzione prevedono un minimo di 4 e un massimo di 15 partecipanti per ciascuna lingua.  La richiesta di partecipazione viene fatta inviando una email all’indirizzo mit@fusp.it specificando la lingua e allegando il proprio CV entro il 31 maggio 2016. L’accettazione della partecipazione verrà confermata entro il 7 giugno 2016.

Quota di partecipazione: il costo del seminario di traduzione è fissato in €450 e comprende oltre all’intero programma della Summer School, tutti i pranzi, i coffee break, la cena del venerdì sera e il servizio navetta o trasporto dagli alloggi alla sede di lavoro.

Alloggio: quanto prima sarò reso disponibile un elenco di alberghi e B&B convenzionati con Mediterraneo in Traduzione.

 

Per il programma della settimana clicca qui.

MiT 545 logos

 

Per ulteriori delucidazioni scrivere a mit@fusp.it oppure telefonare al +39 0444 545475 dal martedì al sabato, dalle 9 alle 17 (orario continuato).


 

 

 

 

 

 

 

Related Posts

“Per il diritto alla fuga e alla vita”

16/06/2015

fugavita 110Il 20 giugno in occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato alla Città dell’Altra Economia di Roma (Ex-Mattatoio Testaccio) dibattiti, laboratori e musica a sostengo del diritto di sottrarsi a morte, violenza, persecuzioni e discriminazioni. Per ricordare che questo è un valore universale, da difendere e riaffermare con forza, oggi più che mai. Ingresso libero.

Tre incontri e una mostra fotografica per ricordare la scrittrice Lalla Romano

19/10/2012

lalla_110Le Biblioteche civiche torinesi dedicano fino a giovedì 8 novembre, alla villa Tesoriera, tre incontri e una mostra fotografica dall’album di famiglia per ricordare Lalla Romano che a Torino ha vissuto a lungo.

La “Terribile bellezza”

29/03/2014

athar 110Con la presentazione di Opus 4 Nr.2 nella maestosa sala in marmo verde dell’Academia Belgica, il giovane scultore Athar Jaber (1982) sembra tornare a casa. Roma, 4 Aprile - 3 Luglio 2014.