Il mare ci vince

federici-545Raccolte sotto il titolo Il mare ci vince, Laura Federici presenta una serie di nuove opere caratterizzate da linguaggi diversi - grandi tavole a olio, video, interventi pittorici su fotografia – accomunate tuttavia da pochi, eletti soggetti, collegati da un fil rouge che si snoda intorno ai temi del tempo, del movimento, della memoria, da sempre centrali nella poetica dell’artista. Anche in questi lavori recenti la scelta di reiterare quasi ossessivamente alcuni temi - figure di bambini, il mare, gli alberi - appare sintomatica della ricerca e della peculiare modalità operativa della Federici che, muovendosi in una zona di confine fra pittura e registrazione meccanica della realtà, dà vita – sull’onda di un incessante moto à rebours nei tempi del proprio vissuto - a una costellazione di opere che dialogano fra loro in un continuo gioco di stratificazioni di memoria e visioni.

“All’origine vi sono, come sempre, le fotografie, i filmati con cui Federici riprende la realtà, la tiene in “ostaggio”. Un serbatoio di immagini da cui estrarre, a distanza di tempo, quei frammenti, ormai bloccati in fotogrammi, capaci di illuminare dimenticati paesaggi interiori, di attivare l’immaginazione, il meccanismo della memoria, e su cui iniziare a lavorare incessantemente, ossessivamente, sull’onda di un movimento che, attraverso la pittura, tenta di recuperare sensualità, ricordi, sensazioni: schegge, simulacri, tracce di realtà da rinvenire nel colore, attraverso il colore, per arrivare ad un’immagine che è, in primo luogo, cristallizzazione di un’emozione interiore.”(dalla presentazione in catalogo di Francesca Lombardi)

Laura FedericiE di nuovo la Federici ci dimostra che il media non è più un limite, ma appunto un mezzo che le permette di creare senza limitazioni di senso, di tema o stile. Dal quadro al video e di nuovo al quadro quindi. Ed ecco di nuovo la nostra protagonista-bambina, composta da una struttura corporale ancor più frastornata dal segno e dal croma, rispetto al video precedentemente citato, quasi a divenire iconica, metafisica ma non irreale, tanto da divenire, il simbolo stesso di una rigenerazione della pittura di Laura Federici.”(dalla presentazione in catalogo di Claudio Crescentini)

 


 

Inaugurazione giovedì 12 maggio 2016, ore 18

12 - 28 maggio 2016

A cura di Francesca Lombardi

Testi in catalogo di Francesca Lombardi e Claudio Crescentini

andre’ arte moderna e contemporanea

Via Giulia, 175 Roma

t 066861875 info@andrearte.it

Aperto dal martedì al sabato,10,30-12,30 // 16-19,30

Catalogo in galleria

 


 

 

 

 

 

 

 

Related Posts

Profughi tra accoglienza e controllo: una relazione difficile

16/04/2015

campus 110Mentre continuano i drammatici e numerosi sbarchi è importante capire le linee politiche dell’Europa e dell’Italia nell’affrontare questa emergenza attraverso le analisi di rappresentanti di istituzioni, associazioni ed esperti. 20 aprile al Campus universitario di Torino Luigi Einaudi.

Festival Cinema Vintage - “Il Gusto della Memoria”

12/10/2015

vintage 110IV edizione - Roma, Cinema Trevi - 7 e 8 novembre 2015.

Dall'inedito ritrovato di Carlo Ludovico Bragaglia al documentario di Gianni Amelio sulla scuola italiana, due giorni a ingresso gratuito all'insegna delle immagini d'archivio, con Pupi Avati presidente di Giuria.

Pitigliani Kolno'a Festival

31/10/2013

kolno 110Dal 2 al 6 novembre a Roma torna la kermesse dedicata al cinema israeliano giunta alla sua ottava edizione. Decine i film e documentari in programma, ma anche laboratori e incontri con registi e attori.