Gender & Development, i “Fondamentalismi”

gender-350Pubblicata da Oxfam in collaborazione con Taylor & Francis, distribuita in 90 paesi, dal 1993 Gender & Development è la sola rivista scientifica che guarda alle tematiche dello sviluppo attraverso la lente della differenza di genere, nella convinzione che l’uguaglianza tra uomini e donne – uguaglianza di diritti e di opportunità – sia essenziale per promuovere uno sviluppo davvero sostenibile.

Ogni numero del trimestrale è dedicato a un tema specifico, e gli articoli sono scelti a partire da una call pubblica. Per il prossimo numero, il tema scelto è “Fondamentalismi”. La rivista si pone la sfida di “esplorare sfide e ostacoli che il lavoro per l’uguaglianza di genere e i diritti delle donne incontra in contesti dove l’estremizzazione delle dottrine religiose, come delle posizioni laiciste, mette in discussione la libertà di scelta delle donne, il loro benessere, i loro diritti”. Occorre infatti considerare che, se da una parte, in Occidente soprattutto “il fondamentalismo è associato alla religione, per molte donne del Sud globale, il fondamentalismo del mercato è una questione che rappresenta una minaccia concreta alla stessa sopravvivenza e alla stabilità della loro vita, delle loro famiglie e comunità”. Non bisogna dimenticare che “ogni fondamentalismo confeziona le propria versione di ‘verità’ per i propri scopi sociali, politici, economici, e che usa le diseguaglianze tra i sessi esistenti per perseguirli”.

Gender & Development cerca articoli e saggi che “esaminino criticamente similitudini e differenze tra fondamentalismo religioso ed economico, nelle loro pratiche che coinvolgono – o colpiscono – le donne e l’uguaglianza di genere; analizzino le strategie adottate dalle donne, individualmente o collettivamente, per affrontare il fondamentalismo e difendere i diritti delle donne, interpretando le credenze, i testi e le dottrine secondo un approccio progressista che promuova l’uguaglianza tra i sessi e i diritti delle donne; raccontino le esperienze delle donne impegnate per la difesa dei diritti umani in contesti caratterizzati da regimi religiosi fondamentalisti che ne limitano i diritti e ne condizionano la vita; descrivano esperienze collettive e alleanze strategiche tra organizzazioni di donne per contrastare il fondamentalismo; affrontino le sfide e opportunità di collaborazioni tra organizzazioni internazionali, movimenti e organizzazioni della società civile che lavorano su tematiche legate allo sviluppo per affrontare anche la questione dei fondamentalismi che incidono negativamente sulla condizione femminile”.

Un abstract che presenti l’articolo proposto accompagnato da un breve CV dell’autore/autrice deve essere inviato per e-mail a Caroline Sweetman (csweetman@oxfam.org.uk) entro il 21 giugno. Il comitato editoriale sceglierà gli articoli da pubblicare entro il 30 giugno e gli articoli dovranno poi essere consegnati entro il 30 settembre 2016. Per saperne di più si può esplorare il sito di Gender & Development.

 

Related Posts

Rivoluzione tunisina 14 gennaio 2011

25/05/2011

Rivoluzione tunisina 14 gennaio 2011 Il collettivo di fotografi “DEGAGE” “Rivoluzione tunisina 14 gennaio 2011”, una mostra di 40 scatti inediti, selezionati dal lavoro di dodici fotografi tunisini sulla rivoluzione del gennaio 2011. All’Istituto del mondo arabo di Parigi (IMA) dal 19 al 29 maggio.

Il futuro Rom è donna?

22/08/2014

Alexian 110Il musicista e compositore di etnia Rom, ambasciatore dell’arte e della cultura romanò, in questo articolo ricorda il ruolo attivo di molte Romnià nella società grazie al livello di istruzione raggiunti: vere e proprie professioniste in diversi Paesi, in alcuni casi vere eccellenze e addirittura europarlamentari.

Muzzika! Aprile 2010

01/05/2010

Muzzika! Aprile 2010Karim Baggili conferma il suo folle talento. Hadouk Trio ci porta in un benefico viaggio zen. Salma Nova canta la bossa brasiliana e libanese, in modo delizioso! Cheikh Sidi Bémol ci fa danzare a ritmo del... “Berbère Celtic Groove” e Les pommes de ma douche ci fanno ascoltare dello swing manouche. E da Lisbona, Sara Tavares celebra con dolci canzoni la sua Capo Verde. Tudo bem!