SabirFest 2016

sabir-16

 

SabirFest. Cultura e cittadinanza mediterranea, giunto alla sua III Edizione, si svolgerà quest’anno in due città mediterranee: Messina e Catania.

 

(6-9 ottobre - “Vuoti di memoria”, Messina / 13-16 ottobre - “Città Arcipelago”, Catania)

 

Dal 6 al 9 ottobreè il turno di Messina, che manterrà come fulcro principale la mostra-mercato SABIRLIBRI allaGalleria Vittorio Emanuele, luogo in cui editori da tutta Italia avranno la possibilità di condividere col pubblico i propri titoli e le novità. Non sarà solo il libro il centro della manifestazione.

 

Il Forum sulla cittadinanza mediterranea SABIRMAYDAN continua il suo percorso formativo e informativo con attivisti provenienti da paesi diversi che si incontreranno in dialoghi aperti al pubblico o per addetti ai lavori. Ricomincia anche il ricco programma di incontri, laboratori, performance teatrali e tavole rotonde SABIRFESTIVAL, che quest’anno propone come tema annuale “Vuoti di memoria” e che approfondisce l’importanza della memoria come esperienza, come pratica individuale e sociale, provando a porsi dall’altra parte dello specchio e a considerare il peso della rimozione e della negazione che investono il passato, il presente e il futuro dei popoli del Mediterraneo.

 

Dal 13 al 16 ottobreCataniarappresenterà lo spirito di condivisione e di contagio culturale che anima SABIRFEST ….

 

La proposta è stata ben accolta da Leggerete, Libreria Vicolo Stretto e IN/ARCH Sicilia che accompagneranno dal 13 al 16 ottobrei visitatori dell’edizione catanese nella loro“Città Arcipelago”, tema dell’anno, che avrà come sede centrale il Palazzo della Cultura.

La città di Catania si proporrà come un insieme di isole tra loro interconnesse che offriranno molteplici approdi ai loro “naviganti”. Il 15 ottobre infine si svolgerà in tutto il territorio nazionale“La giornata del Contemporaneo”. Per l’occasione il Comitato Centro Contemporaneo di Cataniametterà a disposizione del festival un ricco programma di mostre, installazioni e buona cucina.

 

 


 

 

Per informazioni rivolgersi a:

 

Messina-ufficiostampa@sabirfest.it                     Catania-ufficiostampact@sabirfest.it

Ufficio stampa SabirFest 0902936373                      Maria Carmela Sciacca- 3479829660

 


 

sabir-16-250Negli ultimi 5 anni le nazioni e i territori del Mediterraneo sono stati al centro di numerose lotte sociali; la mancanza di opportunità e di vedute ha allargato il divario tra istituzioni e giovani, che hanno perso fiducia nel loro sistema politico, e che si sentono privati di del proprio futuro. La crisi ha anche aggravato la stigmatizzazione dei migranti, i cui flussi sono aumentati a causa di guerre civili in Libia e Siria. Questa situazione sta sfidando la cooperazione, il concetto di cittadinanza in sé e l'idea di appartenenza culturale e geografica della regione. 

SABIRMAYDAN è un processo dal basso, concepito attraverso una serie di eventi - il SabirMaydan all'interno delle edizioni 2014 e 2015 del SabirFest, e il Forum Sociale Mondiale del 2015 - che si concentra sul concetto di cittadinanza transnazionale nel Mediterraneo. Esso mira a promuovere una rete di organizzazioni e di attivisti che immaginano l'integrazione mediterranea attraverso iniziative e strumenti dei cittadini stessi. Tutto il processo favorirà l'impegno interculturale come baluardo contro il fondamentalismo, l'instabilità e la violenza. L'intero processo ruota attorno a cinque pilastri principali:

1) SABIRFEST e SABIRMAYDAN Activism Forum: un evento culturale e un forum politico per dare forma a una narrazione trans-mediterranea in forma di dialoghi;

2) Il Manifesto per la cittadinanza mediterranea: un documento politico che sostiene il Mediterraneo come destino comune, come una casa condivisa da fortificare attraverso l'integrazione graduale;

3) Strumenti / L'Istituto per l'attivismo del Mediterraneo: iniziative come corsi di formazione, campagne, programmi di mobilità per gli attivisti saranno alcune delle attività offerte da un Istituto che mira a rafforzare le competenze degli attivisti mediterranei e i loro inserimento in una rete dedicata;

4) Strumenti / Un canale  web Radio-TV per offrire una narrazione diversa sul Mediterraneo, utilizzando le risorse del radio-giornalismo partecipativo e comunitario, e produrre reportage politici, sociali e culturali in diverse lingue;

5) Strumenti / Un portale per promuovere le opportunità professionali nel campo dell'impegno impegno civile, il dialogo interculturale e l'economia sociale e solidale, rivolto ai giovani di entrambe le sponde del Mediterraneo.

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Related Posts

Nasce Mùses, Accademia europea delle essenze

02/11/2015

mases 110A Savigliano, città del Cuneese, l’unico polo museale al mondo con una simile proposta culturale.Laboratori didattici, installazioni artistiche-sensoriali e spazi d’interazione dedicati alla storia e alla tecnologia del profumo. Presenti capolavori di Franz Staehler, Angela Colonna, Kensuke Koike, Ryts Monet, Roberto Pugliese, Tamara Repetto, Maja Smrekar, Andrej Strehovec, Špela Vol?i?.

"The Buchner Boxes", Luigi Spina

18/12/2014

buchner 110Le cassette di Giorgio Buchner sono il filo conduttore di una storia di uomini e donne che inizia tremila anni fa. I resti raccolti meticolosamente dall’archeologo appartengono ai primi colonizzatori greci d’Occidente. Gli Eubei avevano un sogno, viaggiare e andare oltre! Museo Archeologico Nazionale di Napoli fino al 6 gennaio 2015.

Copyright e Creative Commons

22/10/2014

wanna 110A Napoli, dialogo con Philippe Aigrain e Brian Newman sul “lavoro culturale nell’epoca della sua iper-riproducibilità tecnica” per far luce sulle dinamiche che stanno trasformando i rapporti tra creazione, distribuzione e fruizione della conoscenza. Alla Mostra d’Oltremare, sabato 25 ottobre dalle 9,30 alle 17,00.