‘Il ragazzo di Aleppo che ha dipinto la guerra’

Incontro con la giovanissima scrittrice britannica Sumia Sukkar al Pisa Book Festival

Il conflitto siriano raccontato da un ragazzo affetto dalla sindrome di Asperger.

Domenica 13 novembre ore 14,00 Sala Fermi - Presenta Luca Murphy.

ragaleppo-270Terzo titolo della collana Altriarabi Migrante (il Sirente), ripercorre la vita di una famiglia Aleppina nel bel mezzo della crisi siriana, il protagonista Adam è un ragazzo affetto dalla sindrome di Asperger (spettro autistico) che cerca di esprimere le sue emozioni attraverso la pittura. Ogni capitolo ha il nome di un colore, Adam vede le persone avvolte da un’aurea colorata a seconda dei loro stati d’animo e dipinge il suo terrificante vissuto durante una guerra che non riesce a comprendere, vede solo un incomprensibile violenza che riduce la sua vita e la sua casa in macerie e divide la sua bella città in barricate di guerra. Un libro in cui l’arte sembra diventare una forma di resistenza in un momento veramente buio.

Romanzo debutto della giovanissima Sumia Sukkar ha ottenuto con questo libro il plauso della critica inglese. La drammatizzazione radiofonica del libro è passata nel prestigioso “Saturday Drama” della BBC, dopo la quale sono stati acquistati i diritti per la realizzazione di un film tratto dal libro.

-

http://www.sirente.it/ragazzo-aleppo-dipinto-la-guerra/

http://www.pisabookfestival.com/ospiti-2016/samia-sukkar/

www.sirente.it
www.altriarabi.it
 

 


 

 

 

 

 

 

 

 

Related Posts

Per il Nausicaa Festival un concorso di idee

05/05/2011

Per il Nausicaa Festival un concorso di ideeSi svolgerà dal 12 al 18 settembre a Siracusa il primo festival della cultura giovanile mediterranea promosso dall’Associazione “Il Tamarindo” che lancia un bando per la progettazione di un padiglione informativo per gli spettatori della rassegna siciliana

MUZZIKA ! Maggio 2015

22/05/2015

mai2015 mk0 110

Ana Alcaide e il suo incontro con la musica indonesiana; Bania e la loro musica che viene dal Sahara algerino; Titi Robin e il suo nuovo viaggio musicale nel Marocco berbero; Redi Hasa e Maria Mazzotta tra il Sud-est italiano e i Balcani; Ian Balzan Dorizas e il suo rebetiko contemporaneo; i tre fratelli Fernandez e il flamenco gitano francese; e per finire...

 

“Lost in translation”

23/05/2014

lost 110wwL’illustratrice neozelandese Anjana Iyer ha disegnato trenta parole che esistono in una lingua ma non sono traducibili nelle altre. Comprese due italiane.