"I tuffatori di Casablanca"

tuffatori-350Appunti sul Marocco, recita il sottotitolo. «Per preparare il viaggiatore allo spirito del luogo», aggiunge l'introduzione. Di lì in avanti, pagina dopo pagina, scorrono le "cartoline" di un viaggio in otto tappe, da Rabat a Tangeri, passando per Casablanca, El Jadida, Essauoira, Marrakech, Meknes e Fez, raccontate in “I tuffatori di Casablanca” attraverso i taccuini e le fotografie della giornalista Rosita Ferrato e il tratto elegante delle illustrazioni di Paolo Galletto.

Il turchese di un portone, una porta blu, i bicchieri su un tavolino, le geometrie di una decorazione e quelle delle insegne stradali, un minareto che svetta verso il cielo, le coloratissime ceramiche al mercato, la bandiera che sventola suggeriscono alla mente di varcare il mare e approdare in una terra dove i colori sono resi più accesi e vividi dalla luce e dal calore del sole.

E poi uomini, donne, ragazzi, ritratti di un Paese. L'incantesimo di una cena con la principessa Lalla Hasna sotto il cielo stellato di Marrakech, il couscous casalingo alle sette verdure a casa di Amina, una chiacchierata con il sociologo Mustapha Chagdali sul rispetto delle differenze e la valorizzazione delle somiglianze tra le due sponde del Mediterraneo, i tuffatori che danno il titolo al libro, i ragazzi di Casablanca che, con una buona dose di coraggio unita a una di incoscienza, tengono con il fiato sospeso i passanti radunati ai piedi degli scogli per ammirare le loro prodezze.

Sembra di sentire tra le pagine note di zafferano, boccioli di rosa e té alla menta, il sapore aspro del melograno e quello zuccherino dei datteri.

Rosita Ferrato porta il lettore con sè in valigia, concedendogli di partecipare delle sue esperienze di viaggio insieme alla sua giovane guida Wahid e di assaporare l'atmosfera respirata nei suoi soggiorni. Al racconto diretto sa alternare le incursioni nella storia, nella cultura e nella società marocchine, che si tratti di rapidi cenni o di un approfondimento, di curiosità, di un aneddoto o di una citazione.

//BookTrailer I tuffatori di Casablanca

Un libro che mostra la cura del dettaglio, come nella migliore delle tradizioni della gente del Marocco, che non lascia nulla al caso, dall'impiattamento del cibo alla scelta degli accessori. Così gli appunti di questo viaggio hanno la cura di dare suggerimenti originari per scoprire angoli meno consueti di un Paese che, se per certi versi ci è familiare, nasconde quasi per pudore molte anime.

E se da questo giro non tornerete con qualche souvenir contrattato nella medina o con un tatuaggio all'henné, potrete comunque viaggiare stando seduti comodamente in poltrona, senza rinunciare però a stupire i vostri ospiti con la ricettadi una pastilla al piccione!

 


 

Elisabetta Gatto

20/03/2017

 

tuffatori-120"I tuffatori di Casablanca"

Appunti sul Marocco

di Rosita Ferrato

 

 

 

 

 

 

 

 

Related Posts

Intervista ad Abani Biswas

03/09/2008

Intervista ad Abani Biswas"Attraverso il percorso interiore ognuno può trovare il sentiero per attingere a quella fonte inesauribile di energia e conoscenza che, nel contesto indiano, trova espressione nelle numerose e articolate forme artistiche come la danza, il teatro, le arti marziali e la musica."(A.B.)

“Chasing the stars”, le vite sospese sotto il cielo stellato

12/01/2017

Chasing 0Un web-doc che racconta le condizioni dei migranti costretti ad affrontare il viaggio verso l'Europa. Turchi, curdi, siriani e volontari internazionali hanno trovato nuove forme di aggregazione e di autorganizzazione per affrontare insieme tanto il quotidiano vivere quanto il prossimo futuro che li attende.

Giochi di guerra

25/01/2016

War-Toys : un projet photographique pour dépasser les traumatismes de guerre | babelmed | culture méditerranéenneIl progetto fotografico War-Toys di Brian McCarthy, che per oltre vent’anni ha fotografato giocattoli per i più grandi brand internazionali, racconta la guerra in maniera penetrante, e insieme aiuta i piccoli a superare il trauma Ricreare i ricordi di bambini e bambine la cui infanzia è stata travolta dalla guerra, utilizzando i giocattoli trovati in Palestina, Israele, Libano.(Ebticar/Mashallah News)