2° edizione del concorso JJEM (Giovani Giornalisti Nel Mediterraneo)

2° édition du Concours JJEM - Jeunes journalistes en Méditerranée | Web Arts Résistances, Fondation Anna Lindh, Fondation de France, Jeunes journalistes en Méditerranée, jeunes vidéastes

 

 

Per la sua seconda edizione, il concorso JJEM, Giovani giornalisti nel Mediterraneo, allarga i propri orizzonti, e invita i giovani video reporter che vivono in Algeria, Egitto, Francia, Italia, Libano, Marocco e Tunisia a postare sulla piattaforma Web Arts Resistances (www.artsresistances.net) un video della durata compresa tra 6 e 10 minuti che documenti una esperienza di impegno e resistenza cittadina che utilizzi una pratica artistica. 

 

Dalla street art al teatro, dalla musica alla danza, dalla poesia alla performace, alla fotografia e al video stessi, sono molte le pratiche artistiche oggi utilizzate per coinvolgere gli abitanti, risvegliare le coscienze, dare visibilità a problematiche dei territori che la politica e i media tradizionali trascurano o dimenticano. Una giuria composta dai/lle giornalisti/e dei sei media partner del progetto WAR ( Web Arts Resistances ) – Babelmed, Inkyfada, Mashallah News, OnOrient, Radio M e Tabasco Vidéo – selezionerà 4 vincitori/vincitrici ai/lle quali è destinato un premio di 1.000 euro per la realizzazione del loro reportage.

In un momento in cui – nei media mainstream – trionfano le immagini di società dilaniate dai conflitti, ci sono ovunque nel Mediterraneo uomini e donne che hanno invece deciso di contrastare l’asprezza del mondo contemporaneo investendo le proprie energie per trovare modi alternativi di convivenza. Con questo obiettivo si servono spesso delle pratiche artistiche per rivendicare i diritti umani fondamentali e creare nuovi legami sociali. Sono queste forme di resistenza cittadina che la seconda edizione del concorso JJEM – Giovani giornalisti nel Mediterraneo intende valorizzare.

 

A chi è rivolto il concorso JJEM Giovani giornalisti nel Mediterraneo

Il concorso si rivolge a giovani video reporter con meno di 30 anni, che abbiano o meno in corso o completato studi o che siano anche semplicemente autodidatti appassionati impegnati in attività di citizen journalism, che abbiano una storia di impegno e resistenza urbana che utilizzi una qualche pratica artistica in Algeria, Egitto, Francia, Italia, Livano, Marocco e Tunisia da raccontare per immagini.

 

jjem-120Obiettivi

Obiettivo del concorso è coinvolgere i/le giovani video reporter a documentare attraverso il loro sguardo originale le pratiche artistiche che trovano nello spazio urbano e attraverso il coinvolgimento dei cittadini la loro modalità di espressione, puntando a rivitalizzare e trasformare le società civili di questi paesi.

 

 

Come partecipare

Basta postare il proprio video entro il 10 maggio sulla piattaforma Web Arts Resistances. I lavori saranno valutati da una giuria nel rispetto dell’anonimato dei candidati. L’elenco dei vincitori sarà pubblicato entro il 15 maggio.

 

Selezione dei 4 vincitori/vincitrici del concorso JJEM – Giovani giornalisti nel Mediterraneo

I reportage saranno visionati da una giuria composta dai/lle giornalisti/e che lavorano per i 6 media partner del progetto Web Arts Resistances. Ciascuno dei 4 vincitori/vincitrici – da considerarsi ex equo – riceverà un premio di 1.000 euro.

 

I media partner del concorso JJEM – Giovani giornalisti nel Mediterraneo

  • Radio M (Algeria)
  • OnOrient (Egitto – Marocco)
  • Tabasco Vidéo (Francia)
  • Babelmed (Italia)
  • Mashallah News (Libano)
  • Inkyfada (Tunisia)

 

Visibilità

I reportage vincitori saranno pubblicati sui siti di tutti i media partner e presentati nel corso di incontri pubblici annunciati sulla piattaforma WAR Web Arts Resistances.

 

Il concorso JJEM (Jeunes Journalistes En Méditerranée - Giovani giornalisti nel Mediterraneo) è sostenuto dalla Fondazione Anna Lindh e dalla Fondation de France.

 


 

 

Related Posts

1.Greenaccord, la sfida dell’obbiettivo “fame zero”

17/10/2014

green 1Quattro giorni di confronto all’XI° Forum internazionale dell’informazione sul tema “Sfamare il mondo” tra esperti e giornalisti da ogni parte del mondo. Sotto accusa un modello di sviluppo che crea il paradosso di un miliardo di obesi che si contrappone a un miliardo di persone che soffrono la fame, e 3,5 milioni di bambini che muoiono ogni anno per malnutrizione. Eppure il cibo ci sarebbe per tutti. Analisi e dati.

“Saraceni”, i nuovi scrittori italofoni dal sud del Mediterraneo

26/10/2008

“Saraceni”,  i nuovi scrittori italofoni dal sud del MediterraneoRanda Ghazy, Younis Tawfiq, Amara Lakhous, Hamid Ziarati... Questi nomi a risonanza araba, berbera o persiana non sono più degli intrusi nella produzione letteraria italofona. Scrivono in italiano, vendono tanti libri e ricevono premi e riconoscimenti.

Urban Walls: dal graffitismo alla Street Art

27/01/2014

urban 110wwDa anni centinaia di artisti in tutto il mondo realizzano le loro opere nello spazio urbano. Un fenomeno complesso e in continua espansione, spiega Simone Pallotta, curatore di arte pubblica e urbana e direttore artistico di WALLS. L’intervista di Babelmed.