La vita di strada

vita 545

Girato tra il quartiere della Pineta Sacchetti e la borgata del Trullo, il film racconta la rinascita di questi due quartieri attraverso l’impegno di chi ci vive e la partecipazione degli artisti. 

A partire dal 2013 i Poeti anonimi der Trullo hanno cominciato a tradurre in poesia storie e impressioni della vita tra le mura e i giardini della storica borgata, contrastando lo stereotipo che la voleva prigioniera della malavita e del degrado. Ad accompagnarli, un gruppo di Pittori anonimi e infine la sinergia con gli street artist. 

All’ombra della Pineta Sacchetti un gruppo di abitanti prova a ricostruire la storia e l’identità di uno scampolo di città stretto tra Primavalle, il Forte Braschi, il parco con i suoi pini. Aneddoti e ricordi condivisi dalle generazioni più anziane entrano in sinergia con le pratiche artistiche delle generazioni più giovani - dalla street art alla danza hip hop - per una rinascita che dai muri e dalle serrande decorate si espande a ricostruire una comunità viva nel progetto Pinacci Nostri.

//"la vita di strada" - Tabasco Video

 


 

 

 

 

Related Posts

Premio Giulio Questi 2016

28/03/2016

giuliaccio 110E’ indetta la prima edizione del Premio Giulio Questi per promuovere e sostenere opere di giovani autori. Il Premio si rivolge ad autori italiani e stranieri maggiorenni e che non abbiano superato 27 anni di età alla data di scadenza del bando: 15 maggio 2016

Donne, madri, mogli, lavoratrici. Di ieri e di oggi

03/03/2015

jolly110“Strane straniere” commentano vecchi film dell’Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico. Un’Italia che ormai non c’è più vista attraverso gli occhi delle nuove arrivate, per un confronto stimolante che fa riflettere sui cambiamenti in atto nel mondo del lavoro contemporaneo, sempre più complesso e ricco di contraddizioni.

“Soggèste”. Quasi un dialogo

31/08/2014

soggeste 110Sei canzoni in griko, una in romanzo, una in italiano, una in griko/italiano e una in griko/romanzo/italiano. Il griko una lingua che, mano a mano, nel tempo, per usura, perdendo qualche pezzo, si è reintegrata con i ricambi prestatele, prima dal dialetto romanzo, con cui da sempre è convissuta, e poi dall’italiano.