Dance in Poetry per salvare l’Ex Lavanderia

lavanderia 545-1

L’Ex Lavanderia si trova nell’ex ospedale psichiatrico di Roma, meglio conosciuto semplicemente come Santa Maria della Pietà. Agli anni di abbandono che hanno fatto seguito alla sua chiusura grazie alla legge Basaglia, sono seguiti anni di riappropriazione cittadina che hanno avuto come motore e fulcro l’impegno culturale e artistico.

Ora questo progetto è a rischio, per l’avvio del piano di recupero dell’intero complesso, che mira a trasformare anche lo spazio dell’Ex Lavanderia, sottraendolo a uno uso improntato alla sua accezione di bene comune.

L’Associazione Ex Lavanderia ha dunque dato vita a una serie di interventi di sensibilizzazione della cittadinanza nel segno che l’ha da sempre caratterizzata – quello della partecipazione intorno a temi ed eventi culturali e artistici – per rivendicare e tutelare il percorso fin qui fatto e scongiurare l’ennesima trasformazione di un bene pubblico decisa dall’alto, senza tenere conto del lavoro di valorizzazione e conservazione che è stato profuso gratuitamente da chi ha gestito lo spazio in questi anni di abbandono.

Il prossimo appuntamento della campagna lanciata dall’Associazione Ex Lavanderia è per mercoledì 11 ottobre, con Dance in Poetry un evento promosso da Urban Arts Project e Pinacci Nostri che coniuga danza, pittura e poesia nel segno dell’espressività femminile, realizzato all'interno della RAW - Rome Art Week 2017 - La settimana dell'arte contemporanea di Roma. Urban Arts Project e Pinacci Nostri presentano Dance in Poetry. La performace vedrà impegnate Lorena Ercolani, Federica Colucci e Suri (Sara Alletto), con poesie di Marco Cioffi, a cura di Giacomo Von Normann.

Dance in Poetry è un progetto intersezionale, nato da una ricerca sperimentale sulle forme di comunicazione. È uno sguardo diverso, una visione non ordinaria dello spazio performativo. È un'esperienza sinestetica pervasiva, nella quale danza, live painting e poesia creano lo spazio di comunicazione per un nuovo linguaggio.

L'espressività corporea e la dimensionalità dei gesti della ballerina Lorena Ercolani interagiranno con le forme e i colori prodotti dall'improvvisazione della pittrice Suri. L'interazione delle performer sarà diretta soltanto dalla recitazione delle poesie del libro Agonie della Civiltà di Marco Cioffi, lette live dall'attrice Federica Colucci. Sarà dunque solo il pathos dei versi poetici a guidare I gesti delle performer.

lavanderia 545-2

Fondendosi in un fraseggio di mute pennellate e forme corporee, la performance diverrà uno scambio esperenziale oltre i soliti confini espressivi. A permettere questo contatto artistico sarà una superfice trasparente, che se da una parte sembrerà separare le artiste – la ballerina da una parte, la pittrice dall’altra – in realtà le avvicinerà, creando una scenografia di relazioni su più livelli di espressività e contaminazione. Le parole, i gesti e i corpi si rincorreranno completandosi.

La performance vuole far osservare, nel silenzio di un'immagine in movimento, l'infinita eco di riflessioni che da essa si possono tradurre. Allo stesso tempo, suggerisce di rintracciare altre immagini, scolpite tra i versi disciolti nel testo, richiamate dalle forme e dai colori tracciati dal segno pittorico.

Ingresso libero a sottoscrizione per finanziare le attività dell'Associazione Ex Lavanderia, che dal 2005 si batte per un uso pubblico, sociale e culturale, dell'ex manicomio di Roma - S.Maria della Pietà.

 


 

Dance in Poetry

Mercoledì 11 ottobre, ore 20.00

Ex Lavanderia

(padiglione 31) Piazza Santa Maria della Pietà - Piazza Santa Maria della Pietà, 5 - Roma

Info: exlavanderia.it

 


 

 

Related Posts

In metamorfosi

13/06/2013

host_fed_110Immagini e parole ispirate allo spettacolo della compagnia Astragali di Lecce.

Pasini in mostra, il pittore cronista

03/03/2014

Pasini 110Uno dei più grandi orientalisti della sua epoca e ancora oggi noto a livello internazionale (è uno degli otto pittori italiani più pagati). La fondazione Accorsi-Ometto dedica una rassegna monografica, la prima organizzata nella città di Torino, che durerà fino al 29 giugno 2014.

Al Torino Film Festival anche la Primavera araba

22/11/2012

torino_fes_110Si apre la 30^ edizione di TFF con l’anteprima nazionale di “Quartet” , il film che segna il debutto come regista di Dustin Hoffman. Fra le decine di film e documentari selezionati anche quelli che affrontano i temi dell’immigrazione, dell’esilio, della clandestinità e la guerra civile siriana. Non ci sarà Ken Loach.