Ogni luogo è Taksim. Da Gezi park al controgolpe di Erdoğan

Riflessioni geopolitiche di Alberto Negri, che si allargano dalla figura del nuovo sultano della Turchia attuale alla situazione dell’intero scacchiere mediorientale, introducono il racconto di Deniz Yücel in cui si narrano le differenti anime del Movimento Gezi, le sue diverse componenti politiche, i volti e le storie delle persone che hanno in qualche modo partecipato alla rivolta e che ora assistono alla trasformazione della Turchia di Erdoğan in un regime sempre più autoritario e repressivo.

Chiude il volume una sezione a cura di Murat Cinar: un’analisi che ripercorre i fatti principali dalla rivolta popolare più grande della storia della Repubblica di Turchia, esaminando i risvolti politico-economici in un paese piagato dalla manipolazione dell’informazione, dalla censura e dalla propaganda. Una ricostruzione dei meccanismi degli interessi legati agli appalti edili truccati e alla gentrificazione di alcune aree della città, e del sostegno delle comunità religiose al regime, per giungere fino al tentativo di colpo di stato del 2016.


 

 

DENIZ YÜCEL è dal 2015 corrispondente dalla Turchia per “Die Welt”, redattore di “tageszeintung” e del settimanale “Jungle World”, collabora con diverse testate; nominato giornalista dell’anno nel 2014, si trova dal 14 febbraio 2017 in custodia cautelare in carcere a Silivri, dove ha sposato la sua compagna Dylek Mayatürk, accusato di propaganda a favore di un’organizzazione terroristica e di incitamento alla ribellione.

MURAT CINAR è giornalista, videomaker e fotografo freelance, lavora con diversi media in Turchia come KaosGL, BiaNet e SoL. Cresciuto a Istanbul, è in Italia dal 2002 e collabora con periodici, agenzie di stampa e emittenti radiofoniche come Pressenza, “il manifesto”, Radio Onda d’Urto e Radio Blackout. Nel tempo libero coltiva la sua passione per il Fenerbahçe.

 

Deniz Yücel - Ogni luogo è Taksim - Da Gezi park al controgolpe di Erdoğan

Rosenberg & Sellier, 2018 / Orizzonti Geopolitici / Pp. 288 / Euro 16,00

 

Related Posts

L’immigrazione ammala?

07/07/2009

L’immigrazione ammala?Con la disoccupazione, in condizioni precarie o con rigidi controlli sociali e lontani dal loro paese di origine, gli immigrati sono spesso sottoposti a forti pressioni psicologiche e fisiche che possono trasformarsi in malattia o violenza. Un racconto di Betül Licht.

Rapper Ammar114: “L’Islam proibisce la violenza”

12/10/2008

Rapper Ammar114: “L’Islam proibisce la violenza”Ammar114: Si lega al Corano che si compone di 114 sure, un testo che unisce tutti i musulmani del mondo in ogni momento. Nimet Seker parla di lui e delle sue liriche.

«Migrantas» collettiva di artisti: linguaggio visuale di migrazione

16/12/2008

«Migrantas» collettiva di artisti: linguaggio visuale di migrazioneMigrantas riflette sulle condizioni di vita degli immigrati in Germania. “L’obiettivo di Migrantas è dare pubblica voce ai pensieri e alle opinioni di tutti gli immigrati” spiega Florencia Young.