Festival dell'ambiente e del lavoro - t.a.c. transiti d'autori contemporanei | babelmed
Festival dell'ambiente e del lavoro - t.a.c. transiti d'autori contemporanei Stampa
babelmed   
Festival dell'ambiente e del lavoro - t.a.c. transiti d'autori contemporanei | babelmedLa direzione artistica è affidata ad Alessandro Langiu, "l'alfiere delle lotte civili pugliesi", ed è realizzato con il sostegno dell'Assessorato alla Cultura del Comune di Taranto, dell'Assessorato al Mediterraneo della Regione Puglia, dell'Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Taranto, in collaborazione con l'Assessorato alla Pubblica Istruzione del Comune di Taranto.

A Taranto, città che sorge su territorio danneggiato da anni di presenza di industria chimica inquinante e stretto tra la morsa del ricatto occupazionale e quella di una preoccupante situazione ambientale e sanitaria, nasce il tentativo di rompere il silenzio ed aprire un percorso condiviso, attraverso il teatro, la musica, l'approfondimento scientifico di un convegno, dei laboratori didattici e la proiezione di documentari.

Tac è un'occasione nuova di confronto tra pubblici differenti. Il convegno incentrato sui temi dell'ambiente e del lavoro ospiterà esperti del panorama nazionale, i workshop tematici sul riciclo sono pensati per coinvolgere una platea trasversale per età e formazione, i documentari porranno la lente d'ingrandimento sull'inquinamento ambientale e gli spettacoli, affronteranno storie di lavoro, di malattia, di ambiente e territorio. Le storie sono quelle di un fioraio, di un musicista e di un venditore di plastica tra Manfredonia Brindisi e Taranto in Angolo Somma Zero di Alessandro Langiu o di un operaio della fabbrica che a Trento ha prodotto piombo tetraetile fino al 1978 nello Sloi Machine di Andrea Brunello. Arriviamo in Campania nel documentario Biùtiful cauntri, dove un magistrato svela tutti gli intrighi di una camorra dai colletti bianchi nella gestione dei rifiuti tossici. A Brindisi ci porta il film Produrreconsumaremorire di Pippo Mezzapesa, che racconta le stragi causate dal Petrolchimico di Brindisi e dalla centrale dell'Enel di Cerano.
Tac è una scommessa ambiziosa: accostare il positivo al negativo, la denuncia e le buone pratiche; coinvolgere il pubblico di una città troppo spesso assopito, destare gli animi, generare riflessioni, avviare un percorso di crescita collettivo.
Tac ha l'ambizione di diventare un appuntamento annuale, un momento per accendere il dibattito, riflettere sui progressi fatti, i traguardi conseguiti, gli obiettivi su cui procedere.
Tac è un porto, dove far approdare le storie degli altri e diffondere le proprie.


Luoghi del Festival
Palazzo Galeota Via Duomo 234, Taranto
Masseria Vaccarella Quartiere Paolo VI Taranto

Info e prenotazioni 349 8106334
biglietteria dalle ore 19
over 18 > 3 euro
under 18 e over 65 > omaggio

Organizzazione
340 8303993

(18/12/2008)


parole-chiave: