Sfamare il mondo. Greenaccord, la sfida dell’obbiettivo “fame zero” | Greenaccord, “Sfamare il mondo”, social network, Napoli, Beppe Diana, camorra, terra dei fuochi, cibo, agricoltura
Sfamare il mondo. Greenaccord, la sfida dell’obbiettivo “fame zero” Stampa
Stefanella Campana   
Sfamare il mondo. Greenaccord, la sfida dell’obbiettivo “fame zero” | Greenaccord, “Sfamare il mondo”, social network, Napoli, Beppe Diana, camorra, terra dei fuochi, cibo, agricoltura

Greenaccord, la sfida dell’obbiettivo “fame zero”

Quattro giorni di confronto all’XI° Forum internazionale dell’informazione sul tema “Sfamare il mondo” tra esperti e giornalisti da ogni parte del mondo. Sotto accusa un modello di sviluppo che crea il paradosso di un miliardo di obesi che si contrappone a un miliardo di persone che soffrono la fame, e 3,5 milioni di bambini che muoiono ogni anno per malnutrizione. Eppure il cibo ci sarebbe per tutti. Analisi e dati.

Sfamare il mondo. Greenaccord, la sfida dell’obbiettivo “fame zero” | Greenaccord, “Sfamare il mondo”, social network, Napoli, Beppe Diana, camorra, terra dei fuochi, cibo, agricoltura

Educazione ambientale contro sprechi e rifiuti

Sensibilizzazione nelle scuole (coinvolta anche Greenaccord), uso dei social network, di una tv locale, eventi: Napoli sembra avviarsi verso una normalizzazione della gestione dei rifiuti con la raccolta differenziata, ma in un anno una famiglia di 4 persone butta cibo mediamente per un valore di 500 euro.

Sfamare il mondo. Greenaccord, la sfida dell’obbiettivo “fame zero” | Greenaccord, “Sfamare il mondo”, social network, Napoli, Beppe Diana, camorra, terra dei fuochi, cibo, agricoltura

“Stop al biocidio nella terra dei fuochi”

La protesta di un gruppo del Comitato Rete per i beni comuni durante la tavola rotonda sulla sicurezza alimentare a cui avrebbe dovuto partecipare la ministra della Salute Lorenzin: “La legge del febbraio 2014 prevede bonifiche dei terreni inquinati e uno screening per le popolazioni a rischio ma non è cambiato niente”.

 Sfamare il mondo. Greenaccord, la sfida dell’obbiettivo “fame zero” | Greenaccord, “Sfamare il mondo”, social network, Napoli, Beppe Diana, camorra, terra dei fuochi, cibo, agricoltura

Aversa, un agriturismo al posto del manicomio

E’ “Fuori di zucca”, una “fattoria sociale didattica”, sorta sui terreni strappati alla camorra da don Beppe Diana ucciso nel 1994 per il suo impegno contro la criminalità. Coinvolte una quarantina di cooperative che producono prodotti biologici e danno lavoro a persone svantaggiate.