babelmed - Cultura e Società - Siria | babelmed,Mediterranean culture,Mediterranean society,information and debate in the Mediterranean,dossier and report in the Mediterranean,travel narrative in the Mediterranean,Art in the Mediterranean,spectacle in the Mediterranean,music in the Mediterranean,literature in the Mediterranean,poetry in the Mediterranean,Mediterranean cinema,Mediterranean theater,Mediterranean artist,culinary arts in the Mediterranean,Arab world moving,book in the Mediterranean,translation in the Mediterranean
Elegia aleppina
Gianluca Solera   

Elegia aleppina | babelmed | donne - migrazione - mediterraneoNon c’è pace all’anima nostra, non c’è fossa in cui nascondere le salme. Non c’è anfratto cerebrale in cui resti memoria della Storia, non c’è stomaco per i nostri calici amari. Non c’è sazietà per i loro appetiti. Non c’è donna che non possa essere denudata davanti al marito. Non c’è donna denudata che non possa essere stuprata. Non c’è...

 
La commedia siriana.. tra “assadismo”, immoralità e high society
Hanin al Naqri   

La commedia siriana.. tra “assadismo”, immoralità e high society | babelmed | donne - migrazione - mediterraneoPer molti siriani il mese di Ramadan si identifica con le serie tv, quasi come con la liquirizia e il tamarindo, dato che nelle ultime decadi ne è divenuto elemento cardine e rituale da non perdere. Enab Baladi / Ebticar

 
L’associazione “Obour” di Tartus
Ebticar   

L’associazione “Obour” di Tartus | babelmed | donne - migrazione - mediterraneoIl valore di questa ONG risiede sia nell’impegno di colmare le disparità causate dalla guerra tra i diversi schieramenti della società siriana, sia nel luogo in cui lavora: Tartus, una città che testimonia la crescente ostilità tra le diverse confessioni degli abitanti locali e degli sfollati provenienti dalle zone di combattimento.

 
Tamarindo: satira e umorismo per resistere alla dittatura
Syria Untold / Ebticar   

Tamarindo: satira e umorismo per resistere alla dittatura | babelmed | donne - migrazione - mediterraneoIl venditore di tamarindo è un personaggio amato da ogni siriano, indipendentemente dalla sua appartenenza, ragione per cui il gruppo lo ha scelto come simbolo delle sue azioni e suo eroe.

 
Diritti negati nei contesti di conflitto
Stefanella Campana   

Diritti negati nei contesti di conflitto | babelmed | donne - migrazione - mediterraneoIncontro organizzato dall’associazione “L’ambulanza dal cuore forte”. Gli interventi di Medyan Dairieh, il primo occidentale a documentare l’esercito del Califfato, Lauren Wolfe, giornalista e direttrice di “Donne sotto assedio”, progetto di Women’s Media Center, e Peter Bouckaert, Emergencies Director di Human Rights Watch.

 
“New Syrian Voices”. Una rete di citizen journalists racconta la guerra
Nathalie Galesne   

“New Syrian Voices”. Una rete di citizen journalists racconta la guerra | babelmed | donne - migrazione - mediterraneo“New Syrian Voices”. Una rete di citizen journalists racconta la guerra | babelmed | donne - migrazione - mediterraneoCome informare sulla vita quotidiana dei siriani, se non attraverso dei racconti “da dentro”? I video di Oussama Chourbaji, Amer abdel-Haq, Majid abdel-Nour e Joudi Chourbaji sono una cronaca preziosa per conoscere un conflitto che continua nell’indifferenza generale dell’opinione pubblica occidentale. Intervista con Caroline Donati. (New Syrian Voices/Ebticar)

 
Gli attivisti siriani nelle zone liberate: hanno perso la loro posizione?
Ebticar   

Gli attivisti siriani nelle zone liberate: hanno perso la loro posizione? | babelmed | donne - migrazione - mediterraneoThaer stava per laurearsi alla Facoltà di Psicologia, quando iniziò a scendere in piazza con migliaia di ragazzi della sua città per protestare nelle prime manifestazioni che rivendicavano libertà e dignità,... Enab Baladi / Ebticar

 
Fermare l'orrore delle carceri siriane
Amnesty International   

Fermare l'orrore delle carceri siriane | babelmed | donne - migrazione - mediterraneoDall'inizio della crisi in Siria nel 2011, le autorità siriane hanno sottoposto decine di migliaia di persone a detenzione arbitraria o sparizione forzata. Molte di loro sono state sottoposte a torture o altri maltrattamenti nei centri di detenzione e si riporta che 17.723 siriani siano morti di conseguenza in custodia.

 
“Un aspiro-narghilè resistente”
Ebticar   

“Un aspiro-narghilè resistente” | babelmed | donne - migrazione - mediterraneoMaan Alhasbane era seduto con uno dei suoi amici a improvvisare barzellette ciniche sulla politica del regime siriano, quando l'amico gli ha suggerito di registrarle, trasformarle in video e pubblicarle sui social network.

 
Quello spazio tra le rovine e la sua gente
Zanzuna   

Quello spazio tra le rovine e la sua gente | babelmed | donne - migrazione - mediterraneoMa ora il tempio di Baal non c’è più. Al di là della sua importanza storica, il tempio è stato cancellato dalla memoria dei siriani. Questa generazione non vedrà più quello che ho visto io. E quei bambini non giocheranno più tra le rovine. Io posso resistere. La memoria mi aiuta: posso chiudere gli occhi e costruire tutto come era, non solo con le pietre ma anche con lo spirito che accompagna queste pietre”.

 
I cristiani di Siria, tra il regime e gli islamisti
Omar Youssef Soliman   

I cristiani di Siria, tra il regime e gli islamisti | babelmed | donne - migrazione - mediterraneoI cristiani di Siria, tra il regime e gli islamisti | babelmed | donne - migrazione - mediterraneoI cristiani non si possono classificare sotto la stessa etichetta politica. Oltre alle perdite umane, hanno patito la distruzione di chiese e conventi: a Malloula, Homs e Aleppo. Molti i rapimenti, come quello di Padre dall'Oglio, ostile al regime, scomparso il 29 luglio 2014 e di cui non si sa più nulla. In un paese distrutto, quale sarà il loro futuro?

 
Yarmouk sotto assedio
babelmed   

Yarmouk sotto assedio | babelmed | donne - migrazione - mediterraneoIl campo profughi palestinese alla periferia di Damasco è stato isolato dai soldati di Assad e la popolazione muore di fame. Il bilancio aggiornato all’11 gennaio è di 42 vittime.

 

Inizio | Prev_Page 1 2 3 4 5 Next_Page | Fine

Pagina 1 di 5